Mediafire & ADrive accounts have been locked

08/04/2012: mediafire account has been closed
16/11/2015: adrive account has been closed
11/07/2016: new mega account
mega folder link https://goo.gl/1BtS2B

31 maggio 2011

AA.VV. - E se i punk avessero ragione?

Tracklist:

01. BLUE VOMIT - Mai capirai
02. STINKY RATS - S.P.C.U.
03. CONTR-AZIONE - Kino Glaz
04. STIGMATHE - I miei occhi
05. WRETCHED - Spero venga la guerra
06. CHEETAH CHROME MOTHERFUCKERS - Tellyson
07. JUGGERNAUT - Stay back
08. NEGAZIONE - Noi...!
09. CRASH BOX - Nato per essere veloce
10. THE CRIME GANG BANG - A Reagan
11. CATTIVA INCLINAZIONE - La mia linea
12. FRAMMENTI - Tagliati in due
13. FRAMMENTI - 39-40
14. CRUNCH - Contro i muri
15. CRUNCH - Di fronte al bivio
16. CHURCH OF VIOLENCE - Movimenti
17. CHURCH OF VIOLENCE - Figlio
18. BELLICOSI - Luce
19. DISTRUZIONE - Correre
20. TEMPO ZERO - Fiore chiuso
21. PLASTINATION - Luce di rivolta
22. AFFRANTI - Vibrazione-azione-reazione
23. CONFUSIONE - Angolature deliranti
24. DISSCIORDA - Army for peace
25. LA PIOVRA - Uno dopo l'altro
26. LA CRISI - Meglio di no
------------------------------------------------
Download here

30 maggio 2011

Rasta & Peace Corporation - Banbaalacha #1992/Ai confini della realtà (split w/ Warfare?) #1994

Reggae songs and hardcore songs, a double soul searching for a personal way. The attempt is weak, because it doesn't reach a compact mix between the two genres. The lyrics touch the themes held dear by the politically commited punks: exploitation, racism, multinational companies, militarism. Hardcore-hippies in tune with the diy radicalism. Anyway a praiseworthy attempt.

via Sonic Reducer

Two anarcho-punk bands from Italy join up for an immense collaboration of music, message and politics. The cover is a large fold-out poster, in the style pioneered by CRASS, with lyrics and introductory information on one side and a poster on the other. All of the contents are in Italian, but the copy we were given includes translations of their anti-state lyrics and message. Musically, Rasta & Peace Corporation play a wide variety of styles from ska to reggae to fast punk rock, while Warfare? play a more refined style of powerful punk, with melodic twists and the level of variety know from bands like NO MEANS NO and FALSE PROPHETS. Overall, a pretty spectacular production, but the message may be lost to most of us without the English translations.

via Profane Existence #28, spring 1996

Rasta & Peace Corporation - Fino in fondo


Banbaalacha #1992
 Tracklist:

a1. Intro
a2. Africa inkazzata
a3. Problems
a4. Rasta & Peace Corporation
a5. Nord come il sud...
a6. Stoned again

b1. Chi ce lo fa fare
b2. Vorrei vivere così
b3. Quando la patria chiama
b4. L'uomo vuol morire
b5. Pino's party (in Lokowaz)
b6. Afn Atanafn

Autoproduzione
--------------------------------------------
R&PC official blog
Download here


*****


Ai confini della realtà (split w/ Warfare?) #1994

Tracklist:

a1. RASTA & PEACE CORPORATION - Video spazzatura
a2. Fino in fondo
a3. Senza tregua (live)
a4. Troppo odio (live)
a5. L'uomo vuol morire (live)

b1. WARFARE? - MiAmi!
b2. Arbeit macht frei
b3. Morte allo stato
b4. 04†301

Autoproduzione
---------------------------------------
R&PC official blog
Download here


*****

28 maggio 2011

Bancale - Frontiera #2011

Frontiera è la linea di demarcazione tra l'incantesimo del vivere e la consapevolezza del ciclo vitale. Forse l'unico confine reale, perciò rimosso, simbolicamente dissimulato in un ordito di codici e rituali che ne stemperano - ne equivocano - il senso. Che pure resta, come un brontolio ai margini del frastuono. La morte quindi - evento biologico, cronologico e culturale, ingranaggio e carburante di vita - è la nota dominante di questo album di debutto dei Bancale, trio lombardo formato nel 2006 dal "nostro" Luca Barachetti (voce) e dal chitarrista Alessandro Rossi, raggiunti poi dal percussionista Fabrizio Colombi.
Già l'omonimo ep del 2009 ebbe modo di colpirci per l'intensità dei reading immersi in ordigni noise-blues, il "metodo" MASSIMO VOLUME portato ad un livello di esasperazione inedito, tra vibrazioni terrigne e visioni febbrili che semmai scomodavano punti di contatto coi BACHI DA PIETRA. In occasione del presente full lenght di debutto, quella calligrafia compie un significativo balzo in avanti, alza la temperatura dell'ossessione blues fino al delirio controllato del post (echi palpabili FOR CARNATION) accogliendo turbamenti slow-core (tipo dei CODEINE scorticati) aprendosi poi a suggestive ancorché livide palpitazioni folk (dalla pregnante afflizione Will Oldham/Jason Molina).
E' tangibile il contributo di Xabier Iriondo, che del disco è produttore artistico: cartigli scabri di chitarra, elettroniche frastagliate, insomma la tipica calligrafia disturbante messa al servizio del sound, che arricchisce senza prevaricare. Tra i dieci episodi in scaletta, spiccano Megattera col suo ondeggiare tumultuoso, l'impeto sanguigno di Calolzio, la struggente inquietudine di Suonatore cielo e la torbida trepidazione della title-track. Una bella conferma.

da SENTIREASCOLARE 1.0

Bancale - Cavalli

Tracklist:

01. Randagio
02. Un paese
03. Lago del tempo
04. Un corpo (giorno che scorna)
05. Calolzio
06. Frontiera
07. Megattera
08. Catrame
09. Cavalli
10. Suonatore cielo

Ribèss, Palustre, Fumaio records
-------------------------------------------------
Myspace
Download here


*****

26 maggio 2011

Kerosene - Kerosene (ep) #1982

Nu wave from Modena, Italy. A little forgotten treasure.

Kerosene - Duboz bar


Tracklist:

a1. Astro garage
a2. Kilgore Trout
a3. Duboz bar

b1. Poco tempo

Italian records
------------------------------------
Download here

*****

25 maggio 2011

La Crisi - La crisi (one sided 7") #2009/Cinismo istantaneo (7") #2010

NOT A COOL BAND!
having fun, express your feelings, your anger, your joy, play fast, play loud...
not simple words, not simple chords.
words from the heart, sound that cuts, sharp, like a razor, that beats hard like a hammer, that runs fast like a train.
real music, for real people.
 
we play HARDCORE.

via La Crisi

La Crisi - Meglio di no
 
La Crisi (one sided 7") #2009
 
 Tracklist:

a1. Non è per te
a2. I'm not a loser (DESCENDENTS cover)
-------------------------------------

Cinismo istantaneo (7") #2010
 
Tracklist:


a1. Cinismo istantaneo (aggiungere acqua)
a2. Meglio di no


b1. Stupire, capire, concretizzare
b2. Let down (CHAIN OF STRENGHT cover)


Hurry Up! records
--------------------------------------------------
Myspace
Download here


*****

24 maggio 2011

The Infarto, Scheisse! - The infarto, scheisse! #2005

The Infarto, Scheisse! nascono dalle ceneri dei LA FALCE, scioltisi dopo la morte del batterista. La band suona un violento screamo hardcore con notevoli influenze metal. Come una sorta di CONVERGE con una spruzzata di hardcore italiano di scuola anni '80.
Testi di disagio metropolitano che esprimono incomprensione, rabbia, ricordi. Le parole sono molto importanti nell'economia della band. Basta ascoltare Oggi metto pioggia: sopra ad un mix fra metalcore e post-rock scorre il testo parlato da Nat prima della deflagrazione finale. Certamente il miglior brano del lotto.
Segnaliamo anche Nessun nome numero uno della vecchia band La Falce e Sniffing the grave: la versione hardcore-divertissement di Digging the grave dei FAITH NO MORE.
 
da tAXI dRIVER

The Infarto, Scheisse! - Lilla pallido


Tracklist:

01. Nearte neparte
02. A tratti coda
03. Tutto qui
04. Pane, trapani e cacciavite
05. Oggi metto pioggia
06. Lilla pallido
07. Nessun nome numero uno
08. **** Sniffing the grave

Coproduzione
--------------------------------------------
Myspace
Download here

*****

21 maggio 2011

Borscht - Primitive borscht (demotape) #1983

Nine songs in a melodic thrash mold that's more reminiscent of certain SoCal bands like the ADOLESCENTS than the East Coast approach. Musically, it's really tight and fairly zesty, and the lyrics are also generally coherent (though there are occasional examples of retardo stuff, both intentional and unintentional).

Tim Yohannan from Maximum Rocknroll #12, March 1984


Borscht - Suburbia


Tracklist:

a1. Bye bye
a2. Enemy
a3. He's my dog
a4. Authority

b1. Closin' in
b2. Suburbia
b3. Mommy's a ghoul
b4. [untitled]
b5. No morality
b6. Tired

Autoproduzione
--------------------------------------
Myspace
Download here

*****

20 maggio 2011

Bahnhof - February 82 (tape) #1982

If it had come out in GB or USA, though in 1982, today it would be a cult object. Instead here in Italy the group went under a quick marginalization within the rising hardcore scene, both for the lyrics (all in english) and the sound (CLASH), and, most of all, because they herriedly hit off with the new-old or the old-new slyboots of italian music journalism.
Powerful song, tight and anthemic (Fashion and Presage are truly two minor hits). A group that has to be revalued.

via Sonic Reducer

Bahnhof - Manager

 
Tracklist:

a1. Fashion
a2. February 82

b1. Manager
b2. Presage

Electric Eye records
---------------------------------------
Download here

*****

19 maggio 2011

Cattiva Inclinazione - Urla subito (demotape) #1994

Mid '90s Italian hardcore that does a great job of importing the feel of the early Italian greats into the sound of their US and Euro contemporaries. Sometimes it doesn't quite work (Uccidi most notably), but most of this demo is a ripping presentation of NEGAZIONE styled clatter stuck between CRUDOS and early FUGAZI - it's a confusing mix and it totally works.

via Terminal Escape

Cattiva Inclinazione - La mia linea


Tracklist:

01. La mia linea
02. Avrete il mio disprezzo
03. Nel nostro grande regno/Uccidi
04. S.S.S. (Solo sterili simulacri)
05. Puro
06. Poesia e merda
07. Cattiva inclinazione

Autoproduzione
----------------------------------------
Download here

*****

La Via Degli Astronauti - Storie #2011

Nichilisti, genuinamente new wave, hardcore punk, pensate a FLIPPER e FUGAZI, o più vicino agli STARFUCKERS, - vintage sound, o meglio, spartano lo-fi, registrati in presa diretta in studio, nudo e crudo sincronismo, e attitudine DIY.
La Via Degli Astronauti sono di Napoli, e queste quattro tracce, quattro storie appunto, tirate dalla voce di Mario Orsini, in italiano, spoken word, urlano come un costante dolore nel culo: batteria/chitarra/basso più sax, testi di angoscia urbana, malattie dell'isolazionismo metropolitano, carichi di rabbia e disagio, ben fotografano l'energia del gruppo, perfetto incentivo per più e più ascolti.
Download gratuito e 3 euro per prendersi uno dei CD in stampa limitata. E ora premete play.

da komakino zine

La Via Degli Astronauti - Storia di LM


Tracklist:

01. Storia di LM
02. Una storia tra le più appassionate
03. Storia di ferro e defecazione
04. Storia di un inverno

FalloDischi
--------------------------------------
Myspace
Download here

*****

With Love - Tuoni fulmini saette #2004

Disse Zeus. L'artpunk di questi trevigiani sconfina oggi in territori che, finalmente, sentiamo di apprezzare appieno anche noi poveri ignoranti indierockers. Nessuna sottintesa presa per il culo. Abbiamo iniziato a seguire i With Love da quando hanno mollato i lidi alla LOCUST in cui rischiavano di arenarsi e si sono riassestati intorno all'asse del rock più classico, tirato ma non iperveloce, pestato ma non metal, intellettuale ma non noioso.
La band ha prodotto nell'ultimo periodo tre split con CLIMATIZADO, HK e THE EXELAR i cui brani diventano i tuoni, i fulmini e le saette del titolo. I nervi scoperti e i mostri di Nico Vascellari prendono il sopravvento spesso sui muscoli del duo basso-batteria sulla cui schiena si regge l'intera baracca. Giovanni e soprattutto Nicolò alla batteria si superano nel fornire una rigida e precisa, se non a tratti devastante, struttura su cui si possono innestare le incredibili ondate di rumore digitale provenienti dalla chitarra martoriata di Giotto, espressione fin troppo intellettuale del cervello della band. Bush is an arab e Dear Mr Ceiling sono inni al caos dove qui e là traspaiono gli antichi amori grind del gruppo, ma nel ricontestualizzati nell'attuale mood del gruppo. Gli spasmi di Nico esplodono nel finale "I'm not going to die" di Three days under the ground che fa seguito all'accoppiata di ambient punk composta dalle strumentali A day e Second day, splendide. Una band che già gode di ampia visibilità nella nicchia hardcore non solo italiana, suscitando le più ovvie invidie, e che continua nel suo percorso personale di maturazione verso lidi sempre diversi.
Certo questo disco infastidisce molti perchè, messa da parte la frammentarietà, a dir il vero neanche eccessiva, dovuta alla sua natura di raccolta, non è più un disco di genere, grindcore o screamo che sia. Questo disco ci lascia in eredità la foto di un gruppo che, se potesse godere della copertura stampa che gli spetta, potrebbe essere tranquillamente accostato ai mostri sacri del gotha indipendente italiano, gli intoccabili ex-STARFUCKERS per esempio.

da Sodapop


With Love - Bush is an arab


Tracklist:

01. The temperature of boredom
02. Boredom again
03. Scared scratched heart
04. Selfportrait as a chicken
05. An ocean of nerves
06. Bush is an arab
07. Dear Mr Ceiling
08. A day
09. Second day
10. Three days under the ground
11. Ice age generation

Heroine records
------------------------------------------------
Myspace
Download here

*****

18 maggio 2011

Dioxina - Nessuna pietà #1985

I Dioxina sono un gruppo Oi! di Rimini, nato nel 1981 dalle ceneri di KONATS e ANTISPOT, e molto vicini ai NABAT, icona italiana del movimento; la prima formazione vede Paolo alla chitarra, Rudy alla voce, Andrea al basso e Antonio alla batteria, ed insieme partecipano alla compilation Skins+Punks=TNT, lp del 1983, con due canzoni, uscito per la C.A.S. di Steno; poi ci fu l'ingresso di Red alla chitarra e l'altra presenza nella compilation Quelli che urlano ancora, lp uscito nel 1985. Nell'84 Red lascia la band per stabilizzarsi coi Nabat, e la formazione vedrà poi Luca alla chitarra, e Marco alla voce, con i quali incideranno il minilp Nessuna pietà nel 1985, e dopo qualche tempo ci fu lo scioglimento del gruppo.

da www.accaci.org


Dioxina - Notte di peccato


Tracklist:

a1. Armageddon
a2. Una voce chiama
a3. Notte di peccato

b1. Noi siamo il male
b2. Città maledetta
b3. Nessuna pietà

R.I.P. records
-------------------------------------
Download here

*****

17 maggio 2011

Contropotere - E' arrivato Ah Pook (demotape) #1986

I Contropotere sono una band italiana nata a metà degli anni ottanta dall'incontro tra quelli che saranno i componenti Napoletani di ritorno da un vissuto a Berlino e di passaggio in Veneto, con altri "Futuri" componenti, che vivevano in Veneto, dei quali uno con origini Tedesche e l'altro con origini Milanesi. I Contropotere si incontrano in Veneto, in provincia di Venezia e registrano subito il primo Demotape. Nascono dall'unione-incontro di alcuni membri di due band: degli ELETTROCRAZIA di Napoli e dei LINK LARM di Padova. Il primo demo-tape intitolato E' arrivato Ah Pook viene registrato in provincia di Venezia. Poco dopo si unirà a loro un Romagnolo puro sangue e più avanti avranno anche una componente Tedesca. Solo in un secondo tempo creeranno a Napoli una base,come vera e propria vita in comune, con sala prove e laboratori interni. E' quindi limitativo e approssimativo definirli una band Napoletana cosi come etichettarli in qualsiasi modo,sia "politicamente" che "musicalmente". Forse "sperimentatori" può essere l'unico termine che possa definirli.

da Contropotere


Contropotere - Chiusi in gabbia


Tracklist:

01. Antigenesi/Urizen
02. Non indietreggiare
03. Chiusi in gabbia
04. Ameba
05. Evil
06. Coll'indice sporco di sangue

Autoproduzione
--------------------------------------------
Download here

*****

16 maggio 2011

Dag Nasty - First demo (tape) #1985

Dag Nasty kept roaring D.C.-styled hardcore alive during the mid-'80s. Although the group was more accessible and melodic than MINOR THREAT, it never lost its bracing, blistering edge. Formed by former Minor Threat and MEATMEN guitarist Brian Baker and ex-DYS vocalist Dave Smalley, Dag Nasty recorded their first album, Can I say (1986), with D.C.-punk guru Ian MacKaye assisting on the production. The following year, Smalley left the group; he was replaced by Peter Cortner, who added more pop elements to the band's sound. Dag Nasty moved from MacKaye's Dischord label to Giant in 1988, releasing their last album of the '80s, Field day. Along with former Big Boy Chris Gates, Baker formed the metal band JUNKYARD in 1989, which released two records on Geffen before fading away. Dag Nasty came back together in 1992, releasing Four on the floor for the growing underground punk scene that was only a few short years from breaking into the mainstream. The response was enthusiastic, but the band stepped away from the business again. Ten years later, they reunited with the emo-rock call to arms Minority of one and released it on Revelation records. In 2010, Ian MacKaye released Dag with Shawn -- the original recordings from Can I say taken from a session with Dag Nasty's very first vocalist, Shawn Brown -- on Dischord.

via AllMusic

Dag Nasty - Can I say


Tracklist:

01. Under your influence
02. I've heard
03. Justification
04. Circles
05. Can I say
06. Thin line
07. Never go back
08. Another wrong
09. One to two
10. I wouldn't cry

Autoproduzione
---------------------------------------
Official website
Download here


*****

15 maggio 2011

Lobotocrazia - Storie di ordinaria lobotomia. Autore: Democrazia #2010

Uh, sono stato decisamente colto di sorpresa da questo album di esordio dei Lobotocrazia. Assistendo ai loro concerti, non ero mai riuscito a decodificare il sound dell'anarcopunk band abruzzese, complice la mia ubriachezza... o la loro... o forse, più verosimilmente, le precarie condizioni acustiche dei concerti punk che noi tutti frequentiamo. Questo disco, dal titolo già cult di Storie di ordinaria lobotomia. Autore: democrazia e dall'ingegnosa confezione esagonale, rivela una band originale dotata di forte personalità! Poco crust, poco hc, poco stench, poco sludge (devo continuare?), ma molto anarco-grind con rullatone furibonde, chitarrine apocalittiche e una libertà compositiva/esecutiva quasi jazzistica. Sembrano i CRASS che tentano di suonare una cover degli AREA al doppio della velocità. Non so se mi spiego... A colpire sono le parti cantate, sia per lo stile (Caterina é un incrocio tra Eve Libertine e Burzum, mentre il batterista Pié ha uno stile tutto suo, teatrale e allucinato) che per i testi, vere e proprie riflessioni ad alta voce su temi come il nucleare, il vegetarianesimo, le multinazionali, il consumismo... Non i soliti slogan insomma. Inoltre, anche se i pezzi sono lunghi e dall struttura un po' irrazionale, trasudano ugualmente spontaneità e rabbia sincera.

da Kalashnikov Collective Headquarter

Lobotocrazia - Multisfruttatrici


Tracklist:

01. Multisfruttatrici
02. Lotta antinucleare ovunque
03. Apoteosi del materialismo
04. Di bianco vestito sul trono dorato
05. Coprofagia
06. Sadismo virtuale
07. Mentre ti nutri del suo cuore

Autoproduzione
---------------------------------------------
Download here

*****

14 maggio 2011

Ohuzaru - Thrash is business (5") #2002

Italian's Ohuzaru deliver the first 5" ever that had the complete lyrics printed on one of the labels, beside the S.O.D. cover Milk. Ohuzaru offer 3 sweet and short thrashers that have well thought out lyrics of their own. Nice little splatter!

via Per Koro records

Ohuzaru - The 13th day of June 


Tracklist:

a1. The 13th day of June
a2. Prey or predator?

b1. Only with capital letters
b2. Milk (S.O.D. cover)
 
Coproduzione
-------------------------------------------
Myspace
Download here

*****

11 maggio 2011

Pioggia Nera - Teatri di menzogne #2006

Per darvi l’idea dell’atmosfera che permea questo 12” dei pavesi Pioggia Nera, vi dico che quando la puntina si posa sul disco mi aspetto sempre che cominci lentamente a colare sangue, giro dopo giro. Nove pezzi di punk hardcore oscuro dai riff affilatissimi, tirato ma anche pieno di mid-tempo glaciali. Due pezzi, Immobile e perfetto e Sorridi, sono cantati dal chitarrista Xeba; per il resto, la voce di Aiz è un rauco, demoniaco growl che sembra provenire direttamente dall'inferno.
L'insieme voce/musica risulta alla fine fenomenale. I testi, in italiano, trattano tematiche intimiste, sulla condizione interiore della persona rispetto all'ambiente in cui e' immersa. Non percepisco però nei Pioggia Nera il nichilismo che permea le altre band (anche del passato) a loro affini; piuttosto la rabbia dovuta alla consapevolezza del proprio stato emotivo, l'esorcizzazione del malessere attraverso la musica, la non rassegnazione a questo stato mentale secondo cui “la mia vita non soddisfa la mia esistenza”.

da Erbadellastrega.it

Pioggia Nera - La pioggia nera 


Tracklist:

a1. La pioggia nera
a2. Immobile e perfetto
a3. Anima e dannata
a4. Morbo
a5. Tutto falso

b1. Sopra la mia croce
b2. Vuoto
b3. Sorridi
b4. Insonnia

Coproduzione
---------------------------------------
Myspace
Download here

*****

10 maggio 2011

AA.VV. - We can do whatever we want #1986

Tracklist:

a01. RAW POWER - Police, police/Destroy
a02. RAW POWER - Racist money
a03. RAW POWER - Fuck authority (live)
a04. EAT THE RICH - You're a waste of human space
a05. EAT THE RICH - Bored
a06. PSYCHO - Red riot (live)
a07. PSYCHO - No way (live)
a08. TRAUMATIC - Last kids from nowhere (live)
a09. RATTUS - World without hate
a10. RATTUS - Ugly corpses
a11. I REFUSE IT! - Chocu Umeret (live)
a12. VIOLATION - Bomb threat
a13. SNUFFLEX - Shut up & gimme
a14. SNUFFLEX - Scenic view (live)
b01. WAR DOGS - I hate (the families) (live)

b01. DETENTION - El Salvador (live)
b02. DETENTION - Dead rockers (live)
b03. SUBURBAN DECAY - 715
b04. SHOCKIN' TV - Spazi di potere
b05. TERVEET KÄDET - Strange land (live)
b06. WRETCHED - Uniti sempre
b07. WRETCHED - Nessun diritto
b08. WRETCHED - Ti obbligano ad obbedire
b09. NO RESPONSE - Fuck allegiance
b10. PEGGIO PUNX - Rumori
b11. PEGGIO PUNX - Non siamo come voi
b12. PEGGIO PUNX - Linea diritta
b13. CHEETAH CHROME MOTHERFUCKERS - Tellyson
b14. CHEETAH CHROME MOTHERFUCKERS - Foe or friend (live)

BC Tapes & Records
--------------------------------------------
Download here

*****

7 maggio 2011

Comrades/Death Before Work - Comrades/Death Before Work (7" split) #2007

Un capro che monta una BMX in copertina, il geniale titolo/dubbio amletico del brano d'apertura, il sample dal film culto Amore Tossico, il secondo lato che si apre con un omaggio agli dei della violenza in note, la chiusura affidata ad una serafica dichiarazione di intenti (“non posso essere tuo amico perché suoni in un gruppo metalcore”): tutto sembra rendere questo sette pollici un oggetto di culto, non ultimo il nome delle due band che si fronteggiano lungo i solchi del vinile.
Ammantati da un suono nero come la pece, i veterani Comrades offrono l’ennesima lezione di cattiveria grazie ad una doppietta da brividi lungo la schiena. Il primo brano è una delle cose più malvagie ascoltate di recente, uno tsunami capace di spazzare via la maggioranza dei concorrenti - più o meno diretti - e anche la seconda offerta sacrificale dei romani serba non poche emozioni, riprova del valore di uno dei pesi massimi italiani in campo grindcore. “Non avere più paura!”.
Di fronte a cotanta dimostrazione distruttiva, i Death Before Work giocano all’attacco sfoderando una robusta dose di fast-core, possibilmente più cattivo del solito, con un riffing serratissimo e stacchi da infarto. Forse i più fulgidi eredi dei purtroppo disciolti CRUCIAL UNIT, riportano alta la bandiera del primo crossover e lo fanno senza sovrastrutture o addolcimenti di sorta: pure schegge urticanti che si conficcano nella mente e lacerano la carne, approccio differente ma stessa potenza di fuoco dei compagni di split.

da [audio]drome

Tracklist:

a1. Rather be dead (or Euronymous?)
a2. Born to pose/Scenesterrier

b1. Intro/Bored youth
b2. My saltafoss over your bones
b3. Thrashin' my religion
b4. Suicide is the solution
b5. My back hurts
b6. I can’t be friend with you because you play in a metalcore band

Stress To Death records
--------------------------------------------------
Comrades myspace
Death Before Work myspace
Download here


*****

5 maggio 2011

Backlash - No reason why not #1995

This Backlash record is kind of all over the place. I mean that in a good way, because there is a common thread through all the songs, both in lyrics and in tunes. In fact, each song has a specific section with a specific groove that I feel was this bands trademark. Lots of fast parts leading up to awesome old school breakdowns ala JUDGE, LEEWAY, GORILLA BISCUITS and the like. Backlash clearly weren't re-inventing the wheel, but that's only because the wheel is damn good as it is. What I mean to say is, if you've got the chops, than keep writing old school hardcore, because there is something vital in it that no other music touches on.

via Zen and the Art of Face Punching 

Backlash - Starting again


Tracklist:

01. Self assured
02. Do you know?
03. No more reason
04. The other side
05. Starting again
06. Common place
07. All the same
08. Why I'm mad
09. Once ago
10. Into nowhere
11. I'll get mine

Separation records
----------------------------------------
Download here

*****

AA.VV. - L'incubo continua (tape) #1983

Le spese relative agli armamenti nei paesi in via di sviluppo sono andate sempre più aumentando. Le conseguenze economiche negative sono impressionanti: armi perfette contro condizioni di vita insostenibili.

dal booklet

Tracklist:

a01. KOLLETTIVO - Nessuno spazio alla vostra politica
a02. Uomo
a03. Angoscia
a04. Io qui
a05. Il segno dell'inizio, il segno della fine
a06. Fuori tema
a07. CRACKED HIRN - Silicone
a08. Normali
a09. OBIEZIONE - Intro
a10. A Cris
a11. Scuola
a12. Vuoto
a13. HYXTERIA - Hyxteria
a14. Denuncia
a15. Parlare
a16. Nel nome della vostra violenza

b01. NEGAZIONE - Ribellione programmata
b02. Troppo debole troppo disperato
b03. Punk
b04. Transistors
b05. Maggioranza minoranza
b06. Chiuso in te stesso
b07. CRASH BOX - Nato per essere veloce
b08. Veleno per voi
b09. Ascolta
b10. Crash box
b11. UNDERAGE - Underage
b12. Entro domani
b13. Metropoli
b14. Senza leggi
b15. Sporca naia
b16. Anarchia individuale
b17. OLIVPOP - L'incubo continua....

Disforia tapes
-----------------------------------------------------
Download here

*****

3 maggio 2011

Jagannah - Thedious (demo) #2007

Jagannah is a project that take his always un-ended shape in april 2006 from the remaining members of MYCLIT[*], crossover band with a discreet live activity in Modena local area and tracks on the SUB compilations. Peter Pitone (drums) and Scott Mary (guitar and voice) abandon the played roads up to new complex timings and melodies, decomposing the structure of tracks and opening their jams to a wider infuences' diameter.
The search for a low frequencies' pusher ended with the arrival of Friederich Katzenjammer, who found in the twisted distorted rabid sludgy and slow sounds of the other two's the perfect territory where to vent his four strings. The influences range gets wider, atmospheres are dilated in mazes of complicated fury. Just a few names can remain in the brain of a Jagannah listener: MELVINS, psichedelia, stoner-doom, noise, YOB.
It took months and months to find a name for the band and the gender they play is still uncertain. Jagannah it's invented without any meaning pretensions, Jagannah it's played without pretensions of fidelity to a style, Jagannah it's screamed without sense pretensions.
In february 2007 enough music was written and everything was recorded for the 40 minutes (excessive) long demo. Everything was recorded in their small rehearsal room with cheap machineries. Self-produced, self-played, self-composed in Modena, Italy.

via CynicLab

Jagannah - Pyl


Tracklist:

01. Evil whale
02. Pripyal
03. Earth
04. Soundsense
05. Pyl
06. Vaghina
07. Brisby the rabid
08. Pianura padana

Autoproduzione
-----------------------------------------
Myspace/Official website
Download here

*****