Mediafire & ADrive accounts have been locked

08/04/2012: mediafire account has been closed
16/11/2015: adrive account has been closed
11/07/2016: new mega account

21 ottobre 2010

Fluxus - Pura lana vergine #1998

Tarde creature della scena hardcore torinese di fine anni '80, i Fluxus, capitanati dal carismatico leader Franz Goria, si segnalano per aver avuto una delle storie discografiche più interessanti di sempre dello Stivale, sia in quanto ad ingressi e defezioni nella line-up che per quanto riguarda la qualità discografica, ogni qualvolta attestata su livelli medio-alti. Le scorie noise di Vita in un pacifico nuovo mondo, esordio del 1994, vengono immediatamente metabolizzate nel furente hardcore-metal di Non esistere (1996), dove si registra per la prima volta la caratteristica che li renderà famosi nell'underground italiano, il muro di suono, ottenuto grazie all'eccezionale utilizzo di tre chitarre e due bassi in sincronia (in questo periodo si riscontrano, tra l'altro, le entrate degli ex-NEGAZIONE Tax Farano e Marco Mathieu).
Lacerati da forti individualismi intestini, i Fluxus giungono ugualmente, nel 1998, al compimento del loro capolavoro indiscusso, Pura lana vergine, concentrato di potenza sonora, liriche politiche, pezzi cantati, parlati e strumentali, dove l'hardcore poggia su flessibili basi metal, escrescenze noise, stacchi acustici e gorghi post-core, che risentono del contemporaneo sbocciare dei veneziani ONE DIMENSIONAL MAN e lo rendono, di fatto, uno dei dischi italiani più belli di sempre.

da Storiadellamusica.it

Fluxus - Uomo ghignante


Tracklist:

01. Uomo ghignante
02. Senza protezione
03. Tutto da rifare
04. (.)
05. Lacrime di sangue
06. (.)
07. Latte
08. (.)
09. Giro di vite
10. Le cose che non cambiano...
11. (.)
12. Classe
13. In un istante
14. (.)
15. Felici e contenti

Il Manifesto
------------------------------------------
Download here

*****

3 commenti:

DVd ha detto...

applausi

Anonimo ha detto...

che disco!!! mastello

Anonimo ha detto...

davvero potente, e dal vivo i fluxus erano quasi perfetti,stesso muro sonoro....di loro oltre al ricordo rimangono i Petrol...peccato sia sparito l'impatto arrabbiato (saranno stati i due bassi?o l'eta' piu fresca) che rendeva le gigs come una spruzzata inaspetata d'adrenalina....bravo! bella scelta . OzZy