Mediafire & ADrive accounts have been locked

08/04/2012: mediafire account has been closed
16/11/2015: adrive account has been closed
11/07/2016: new mega account

21 aprile 2010

Hüsker Dü - Everything falls apart and more #1993

Per chi non li conosce, per chi conosce solo la loro fase pop, per chi li conosce ma non ha questo cd...
Everything falls apart (1983) è in assoluto uno dei migliori dischi hardcore di sempre. Difficile trovarvi una canzone non dico brutta ma nemmeno fuori posto. Arrabbiati e sanguinanti come non mai (escluso lo splendido Land speed record) eppure i nostri già in questa fase lasciano trapelare alcune chiare anticipazioni (Everything falls apart) di quella vena melodica che emergerà solo qualche anno più tardi. Nel caso in cui tutto ciò non vi bastasse sappiate che in questa edizione trovate anche il meraviglioso 7" In a free land (1982) e alcuni inediti: l'extended version di Statues (1981), un outtake dalla Statues session (Let's go die) e un live-demo, entrambi del 1980. Imperdibile!
I can see your lips move
BLAH BLAH BLAH
But all I hear is

Hüsker Dü - Signals from above


Tracklist:

01. From the gut
02. Blah, blah, blah
03. Punch drunk
04. Bricklayer
05. Afraid of being wrong
06. Sunshine superman
07. Signals from above
08. Everything falls apart
09. Wheels
10. Target
11. Obnoxious
12. Gravity
13. In a free land
14. What do I want
15. M.I.C.
16. Statues
17. Let's go die
18. Amusement
19. Do you remember?

Reflex records
---------------------------------
Download here

*****

4 commenti:

Sull'Amaca ha detto...

Grande disco e grande album!
Amo da sempre la loro evoluzione.

Anonimo ha detto...

Avere tutta la discografia degli husker e' un dovere!

Pavarotten ha detto...

Esiste la musica e da qualche parte più in alto ci sono gli Husker du

Anonimo ha detto...

E se dicessi che questo è per me il loro album più bello ? Lo preferisco 2000 volte all ultraosannato (seppur stupendo) ZEN ARCADE. Per il sottoscritto questo è il loro capolavoro assoluto. Schegge impazzite di HC al vetriolo ("Punch Drunk", "Bricklayer", "Afraid Of Being Wrong"), ma la sensibilità Pop è già presente eccome ("Blah Blah Blah", la Title Track, la stupenda "Gravity"). Insomma, 10 e lode. Stef.