Mediafire & ADrive accounts have been locked

08/04/2012: mediafire account has been closed
16/11/2015: adrive account has been closed
11/07/2016: new mega account

30 luglio 2013

The Ugly Things - The Ugly Things (7'') #1986

Quindicesima uscita dell'Electric Eye di Sorge e ottimo esordio (dopo una tape autoprodotta) dei bolognesi Ugly Things, tra i principali protagonisti dell'ondata di garage revival diffusasi nel belpaese nella seconda metà degli anni '80. Quattro tracce di rock'n'roll genuino suonato con classe, in bilico tra beat e garage. Nella formazione originale figura un giovane Umberto Palazzo, mentre qui e qui (sul bellissimo canale di terminale rock) potete vedere Le Cose Brutte in azione sul palco a Bologna nel 1989.


Ugly Things - Every cave man


Tracklist:


a1. Another state of mind
a2. Every cave man

b1. You better run
b2. I'll be home soon

Electric Eye
------------------------------------------

*****

29 luglio 2013

Bland Vargar - Notturno 11 #2012

Bland Vargar are born in the cold winter of 2010. The land was the unholy countryside of Casaliculum (Bologna), Shitaly.
Bland Vargar play epic raw black metal with some ambient and folk elements.
Loud and clear: Bland Vargar are against any form of Nazi-fascism and Racism!
Featuring members of GIUDA, UNDEAD CREEP, POST FATA RESURGO, ORACLE (r.i.p.), ISOLAMENTO, NONPERDONO (r.i.p.) among others.

via Bandcamp


Bland Vargar - Noir


Tracklist:

01. Adam van Maledict - Preludio
02. Noir
03. Bivium

Self-released
-----------------------------------------
Bandcamp
Download here

*****

27 luglio 2013

VV.AA. - Ekhnatòn - Ricerca italiana semplice numero uno #1984

Ekhnatòn, originally released in 1984 as a vinyl LP by Multiple Configuration in collaboration with the legendary ADN label, collects tracks recorded by the most daring and remarkable bands that were active in the experimental Italian scene during those years. Simple Italian Research Vol. 1 was (and still is) the subtitle of an album that includes two tracks from each of the following bands: Maze 1066, Tasaday, Evitaxal - an alias for Roberto Marinelli, also active as LAXATIVE SOULS - and the more well-known and active TAC (Tomografia Assiale Computerizzata).

via Soundohm


Tracklist:


a1. MAZE 1066 - L'amico americano
a2. MAZE 1066 - Anche il limite ha una pazienza
a3. TASADAY - Un si funeste desir
a4. TASADAY - Vai troppo spesso a Wuppertal

b1. EVITAXAL - Piz Buin/Gemini
b2. TOMOGRAFIA ASSIALE COMPUTERIZZATA - Torna la dea al suo tempio
b3. TOMOGRAFIA ASSIALE COMPUTERIZZATA - Siamo d'argilla

Multiple Configuration/ADN
-------------------------------------------

*****

24 luglio 2013

Movie Star Junkies - Son of the dust #2012

After their two acclaimed LPs released by swiss Voodoo Rhythm Records, a dozen of 7” singles and EPs and several European tours, the quintet from Torino, Italy, presents their new album Son of the dust.
It is clear from the first track, These woods have ears, how the band has attempted to offer something new and evolved. The sound is pretty far from the chaotic vehemence of their early works, it has more in common with the intense, touching, dark atmospheres of songwriters like Nick Cave, Neil Young and Leonard Cohen with a little twist of frisky rhythm'n'blues.
A long tale in William Faulkner's style told in ten songs, a long journey where ancestral rites and religious superstitions take place, around three main characters: a stranger, a priest and a farmer. Son of the dust is a man trying to defeat the drought, in the landscape of a country village, surrounded by ancient legends and traditions, opposing pagan rites to the fear of divine punishment.
Records like this are musical movies of the mind, records the listener must decipher and make his own. The Movie Star Junkies’ Son of the dust is no more and no less than a musical continuation of William Faulkner’s quest of transcendental bliss in a world made of bone.

via Wild Honey records


Movie Star Junkies - Cold stone road

Tracklist:

a1. These woods have ears
a2. In an autumn made of gold
a3. Son of the dust
a4. Cold stone road
a5. The damage is done

b1. There's a storm
b2. A long goodbye
b3. This love apart
b4. End of the day
b5. How it all began

Outside Inside/Wild Honey records
-------------------------------------------
Website
Download here


*****

18 luglio 2013

Nasa Space Universe - NSU (7") #2008

Six tracks of breakneck thrash with quirky breakdowns and raw snotty SoCal vocals. It's basic 80's skatepunk with a psychedelic twist to keep things weird. The artwork is pretty cool, but is that a drawing of the band in blackface? (AM)

from Maximum RockNRoll

Una band semplicemente...stratosferica!


Nasa Space Universe - Phenomenon starring John Travolta rated stargate SG-1

Tracklist:

a1. Inspense expherience
a2. Judge Bludgeon
a3. Phenomenon starring John Travolta rated stargate SG-1

b1. Insane Greek street rider's death rage
b2. Soup or salad
b3. Apache blood overdrive destroys Oprah Winfrey

Gradual Limbo records
---------------------------------------------
Bandcamp
Download here

*****

14 luglio 2013

Holy - The age of collapse #2013

OFF!? TRASH TALK? No. Nella maniera più assoluta. Questa roba è interamente nostrana. E se posso essere sincero, vorrei che la custodissimo gelosamente accanto ai THE SECRET o ai THE END OF SIX THOUSAND YEARS. Già usciti allo scoperto con un self titled nel febbraio del 2012, stavolta hanno creato una vera e propria arma di distruzione di massa.
The age of collapse dei milanesi Holy, se è vero che può essere facilmente accostato agli americani sopra citati, dall’altra parte possiede un elemento di plusvalore. È degenerativo.
14 tracce in 22 minuti di involuzione. Testi furiosi, nichilisti, con tanto di protesta contro l’uccisione di animali per scopi alimentari.
Una malattia che ti divora velocissima, spietata nei riff di War o di Handshake. E anche quando nella title track The age of collapse, hai l’impressione che l’agonia stia per fermarsi, t'arrivano dritti in faccia Old habits e Restart a farti sanguinare le orecchie. Meritano particolare menzione, infine, gli ultimi due pezzi, Restless, riflessione sulla presenza di un ipotetico aldilà (sarcasmo), e Over me forever, questo, caratterizzato da un ottimo outro di feedback assordanti che rimarcano quel bel taglio "noise" dell’intero album.
Virale. Questo full lenght possiede tutti gli elementi chimici di un agente patogeno mortale: D-beat, timpanoni punk, blast, distorsori al limite del clip, e una voce da spaccare i timpani. Amanti del crust e dell’hardcore punk duro e puro, questo disco restaurerà in voi la fiducia nella musica italiana.
E non vi farà dormire, sopratutto.

da ItalianCore Magazine


Holy - The end of all hope

Tracklist:

01. War
02. Life
03. Handshake
04. Ramparts
05. The end of all hope
06. Undone
07. Harm's way
08. Ablaze
09. The age of collapse
10. Old habits
11. Restart
12. Came to light
13. Restless
14. Over me forever

Adagio830
----------------------------------------
Bandcamp
Download here

*****

12 luglio 2013

Umberto Palazzo - Canzoni della notte e della controra #2011

Umberto Palazzo è stato protagonista della primissima fase artistica dei MASSIMO VOLUME e successivamente fondatore dei SANTO NIENTE e della corrispettiva versione/tex-mex morriconiana EL SANTO NADA. A corollario di una carriera ai margini della scena mainstream ma sempre molto coerente e sperimentale, ha composto questo album solista che, per sua stessa ammissione, è pre-rock, un concentrato di sonorità che potrebbero essere definite ancestrali. Non si tratta, attenzione, di un semplice disco folk, bensì di un progetto decisamente ambizioso, in cui ritmi da musica popolare si contaminano con echi di classicità, pop anni ‘50, toni vagamente western, il tutto eseguito quasi esclusivamente da Palazzo che si è servito di pochissimi collaboratori e di strumenti etnici o improvvisati. Sensuale e primitiva, talvolta straniante, l’atmosfera che si respira per tutto l’album, a richiamare un Sud arcaico e denso di realismo magico (Palazzo è abruzzese) e due orari particolari della giornata: appunto la notte e la controra, ovvero quella fase di grande calura del primo pomeriggio dedicata alla siesta, che l’autore descrive come «l’ora del dormiveglia agitato da sogni sensuali, l’ora in cui tutte le bestie riposano e non c’è nessuno in giro tranne il dio Pan». Un disco tanto complesso e anticommerciale da destare ammirazione: pare di stare in un film di Pietro Germi, in compagnia di un po’ di vino, Vinicio Capossela e Nick Cave.

via Toylet Mag



Umberto Palazzo - La controra



Tracklist:

01. Terzetto nella nebbia
02. La luce cinerea dei LED
03. Metafisica
04. Café chantant
05. La marcia dei basilischi
06. Aloha
07. Luce del mattino
08. La controra
09. Acchiappasogni

Disco Dada records
-----------------------------------------
Bandcamp
Download here

*****

9 luglio 2013

MGZ - Wounded (12") #1988

MGZ is the crazy project of Mauro Guazzotti, which has a past in noise and industrial music with noise collective F:A.R. as well as under his own name. MGZ is a funny and parodistic act which nonetheless reflects on social issues using a dark and acid humor. On stage the band turns into MGZ & LE SIGNORE, adding a group of actors who perform very funny scenes and mimics related to the song's lyrics. This is indeed a very crazy 12" EP with various different styles nicely woven together. Wounded was released on vinyl by Technological Feeling and Amen – THX 1138 (TF 12, THX 1138-4) in 1988.

via & thanks to The Thing On The Doorstep

Tracklist:

a1. Side A
(Love the love/Non ti avvicinare 1/Have you a little tail?/Maniacs/It's my party/Alexis' sad memory/Mi amerai di più)

b1. Side B
(Are you wounded?/Non ti avvicinare 2/Dai...ti prego/Hei girl! (I wanna fun with you)/Ooh babe/Ooh yeah/My life...den den)

Technological Feeling/Amen - THX 1138
----------------------------------------------------
Download here

*****

3 luglio 2013

Via Luminosa - Via Luminosa #2013

Non fatevi ingannare dal nome e dalla brutta copertina in stile new age: le radici dei Via Luminosa affondano saldamente nella scena hardcore torinese degli anni '80, quel posto cupo, incazzato e incredibilmente vitale che ha prodotto gruppi quali NEGAZIONE, DECLINO e NERORGASMO. Proprio da questi ultimi, diventati negli anni oggetto di vero e proprio culto, provengono ¾ dei VL (Simone Cinotto, Marco Klemenz, Francesco Dilecce). Alla voce troviamo invece Luigi Bonizio dei C.O.V., i cui testi (di quotidiana poesia) e linee melodiche appoggiano perfettamente sul solido sound post punk della band. Massima stima per non essersi lasciati sopraffare dal passato ingombrante, ed aver creato un disco emozionante e senza tempo.

da ALIAS, 15 giugno 2013


Via Luminosa - Il limite


Tracklist:

01. Credi
02. Il limite
03. Attraverso i muri
04. Indelebile
05. Fuori
06. Lei
07. E
08. Oltre
09. Dettami i dettami

Zapping productions
------------------------------------------
Download here

*****

1 luglio 2013

Billy Boy E La Sua Banda - Biancosarti, trippa e sodomia #2000

None of the recent Italian band had ever give us a so top quality Oi music. Funny lyrics, strong (specially for the backing chorus), it's a perfect album. More than that: it's brilliant. Trust us, Billy boy (remember Clockwork Orange?) is the perfect Skinhead band which represent well the reborn of Helen of Oi.

via Helen of Oi records


Billy Boy E La Sua Banda - Tu e la tua birra


Tracklist:

01. Mamma
02. Fottuto pub
03. Tu e la tua birra
04. Bastardi dentro
05. 10, 100, 1000 tappi
06. Il papa era un bootboy
07. Clockwork supermarket
08. Nonna
09. Angeli con le chiappe sporche
10. Col cazzo che te la do gratis
11. Scarpe chiuse
12. Billybestia
13. Filthy pub
14. Alleluja

Helen of Oi records
-------------------------------------------
Download here

*****