Mediafire & ADrive accounts have been locked

08/04/2012: mediafire account has been closed
16/11/2015: adrive account has been closed
11/07/2016: new mega account

31 luglio 2011

Kafka Hardcore - Black out (7") #1997

I Kafka nascono nel novembre del 1994 dalle ceneri di alcune piccole band genovesi. Dopo alcuni cambi di formazione e l'uscita del demo Tensione del niente (1995) abbiamo cominciato a suonare dal vivo, anche fuori Genova. Il nostro stile, all'inizio, era vicino ad un classico hardcore punk italiano con voce e testi alla CCCP.
Nel dicembre del 1996 esce una cassetta promozionale, Kafka, che ci permette di suonare in diversi concerti in Italia, e di fare un paio di date in Svizzera. Nel frattempo lo stile si evolve verso un hardcore new school e la voce diventa più potente e disperata.
Black out, nostro primo 7", realizzato nel novembre del 1997, è registrato presso gli Acqualuce Studio di Torino e contiene 5 traccie di intenso hardcore ispirato, dal punto di vista dei suoni, agli SNAPCASE. Questo 7" è totalmente diy, prodotto dalla No! records, la "non-label" dei Kafka (anche se per questo 7" abbiamo ricevuto l'importante aiuto di Massimo di Carmine, un nostro amico).

dal vecchio sito

Kafka - Black out


Tracklist:

a1. Spero di no
a2. Soap mind
a3. Spazio vuoto

b1. Black out
b2. Vento

No! records
-------------------------------------
Download here

*****

29 luglio 2011

Kieltolaki - Totaalisen tuhon huominen (7'') #2006

Six crashing trax in the best tradition of early '80s Finnish HC - like a tightly wound early RIISTETYT. This has somewhat richer production with thrilling originality in the guitar changes of pace; it boasts loads of power while making for distinctive, original compositions. Totaalisen tuhon huominen has all the punch of thier previous ep, but with an added urgency. Vihasta ammennan voimaa is an especially chilling number that pratically gives off stream. All songs are well under two minutes, and make you ache for an album's worth of this stuff. Strongly recommended!

via Moo Cow records

Kieltolaki - Vihasta ammennan voimaa


Tracklist:

a1. Totaalisen tuhon huominen
a2. Tiedostava kusipää
a3. Vihasta ammennan voimaa

b1. Paskalakki
b2. Pedofiilielukka
b3. Sillat on poltettu

Combat Rock Industry
----------------------------------------
Myspace
Download here

*****

28 luglio 2011

Church Of Violence - Remastered and live #?

Non chiedete.
Niente copertina. Niente informazioni. Niente anno.
Dubito persino che il disco sia uscito.
Ci sono solo gli emmepitrè.
Tanto basta.

Church Of Violence - Il mattino


Tracklist:

01. Traccia
02. Scoperto
03. 883
04. Il mattino
05. È notte
06. Per lui
07. Tu pensa
08. Potsdam song
09. Teknotino
10. Banchetto di lusso (NERORGASMO cover)
11. Quello che vi resta
12. 4 candidi colori
13. Alberi
14. San drink'em all
15. Canzone allegra
16. Tu che mi dici (live)
17. Rabbia claustrofobica (live)
18. Rincorrendo il treno (live)
19. Sorrisi nell'universo (live)
20. Ultimo stadio (live)
21. La mia attitudine (live)
22. Figlio (live)
23. No signore (live)
24. Istruzione alla disobbedienza (live)
25. Movimenti (live)
26. Non ce n'è (live)
27. Ufo Robot (live)
28. Heidi (live)

Autoproduzione
---------------------------------------
Download here

*****

27 luglio 2011

Agatha - Getting dressed for a death metal party (tape) #2008

Appassionati di noise + K7? La Tapes Not Bombs! ha ristampato per Voi Getting dressed for a death metal party - a firma delle ormai già piuttosto conosciute Agatha, e uscito l'anno scorso su cd per bontà di Wallace + Smartz + Stress To Death + The Fucking Fucking + Weirdo. 4 trx :: Astrology sucks when you are a scorpio / Agatha's theory on high heels / 16 things I like / Three night stand :: in 10 minuti di calci che solo chi ha recepito appieno la lezione del rumore di KILLDOZER & JESUS LIZARD ed etichette quali Amphetamine Reptile & Skin Graft, sa frullare come si deve. Nuova copertina - con comics di Tuono Pettinato, e che una volta tanto non fa rimpiangere la vecchia!

da :::::MARQUEEMOON:::::

Agatha - Three night stand


Tracklist:

a1. 16 things I like
a2. Three night stand

b1. Astrology sucks when you are a scorpio
b2. Agatha's theory on high heels

Tape Not Bombs!
-----------------------------------------
Myspace
Download here

*****

26 luglio 2011

Atestabassa - Clone O.G.M. (7") #2000

Atestabassa: uno dei gruppi più interessanti visti all’ultimo Rumble Fish festival seppur la musica che suonano non sia nulla di nuovo, ma bensì il buon vecchio hardcore, ora hanno fatto uscire un 7" (coprodotto con varie realtà pugliesi e non), intitolato Clone O.G.M. che a parte la copertina (non mi gusta: troppi colori...) è davvero un bel disco, hc punk puro e semplice con rabbia e passione, cantato in italiano, con buone liriche, per questo mi rimandano un po’ agli INDIGESTI ed anche ai CIRCLE JERKS, ve li consiglio dal vivo (dovrebbero fare un tour nella primavera del 2001).

da |_ /-\ |\/| | |\| | #3

Atestabassa - Non senso

Tracklist:

a1. Marna
a2. Identità
a3. Non senso

b1. Incuborealtà
b2. Fragile

Coproduzione
--------------------------------------
Myspace
Download here

*****

The Great Complotto - Pordenone for holidays (tape) #1981

C-30 cassette, w/o tracklist, green picture sleeve with suchlike-sticker "first edition" red-black colour. Side A in english, side B actually is the A side upside down played and passed off as russian. Recorded 3-5 February 1981 at "Atelier de Montage studios". Engineers Ado and Plexi. Idea, picture sleeve artwork and realization by Ado. Produced by The Great Complotto.

via Sonic Reducer

Tracklist:

a1. [English side]

b1. [Russian side]

Autoproduzione
----------------------------------
Download here

*****

25 luglio 2011

Uzeda - Different section wires #1998

Different section wires was recorded by Steve Albini, and sure enough, this 1998 effort displays plenty of Albini's trademark angular, distorted guitar lines, and loud, popping snare drum sounds. While Uzeda's sludgy yet clipped guitar, bass, and drum parts are reminiscent of the JESUS LIZARD and Albini's group, SHELLAC, Giovanna Cacciola's singing is a far cry from Albini's misanthropic snarl. Instead, Cacciola delivers most of her vocals in an urgent, half-spoken wail. Instrumentally, Uzeda displays very little variety in dynamics or tempo: the volume stays on ten and drummer Agostino Tilotta usually plays snapping beats that have the flexibility of a brick wall. Cacciola, whose Sicilian accent is indecipherable, sometimes sounds like she could be begging the rest of the band to stop. Different section wires is a compelling record mostly because of the contrast between Cacciola's vulnerable singing and the rest of the band's punishing noise rock.

via AllMusic


Uzeda - Nico and his cats 


Tracklist:

01. Nico and his cats
02. Stomp
03. Steel man
04. Suaviter
05. Ten stars
06. The milky way
07. Female
08. Big lies

Touch & Go records
------------------------------------
Download here

*****

22 luglio 2011

Mannequin Men - Fresh rot #2007

Every note on Fresh rot could carry a footnote identifying its source - TELEVISION being a major inspiration. As churning guitars generate jagged melodies, singer Kevin Richard plays the sleazy punk poet, hiding his sensitive side behind a sneering facade. Shameless recycling doesn't keep the Chicago quartet's second album from being great fun, however. Describing the shady practices of bad boys and girls, Private school and Mattress are smart, catchy, albeit tattered, pop tunes. And when Richard chants, We are free, it's easy to share in his wild-eyed euphoria.

via Spin.com

Mannequin Men - Pattern factory


Tracklist:

01. Private school
02. We are invisible
03. Boys (they don't mind)
04. Pigpen
05. Pattern factory
06. Sewers
07. Dead kids
08. Grapefruit
09. Mattress
10. 22nd century
11. Fun never ends
12. Ev'rybody has l'ved her
13. We are free

Flameshovel records
----------------------------------------
Myspace
Download here


*****

21 luglio 2011

I Nipoti Del Faraone - I nipoti del faraone (7") #1986

I Nipoti Del Faraone erano Massimo Giacon, Alberto Mineo (entrambi ex-SPIROCHETA PERGOLI, gruppo di cui Trax ha pubblicato un mini-lp più brani sparsi in diverse compilation) e Mimì Colucci. Il primo disco dei Nipoti, un ep con otto brani allegato in omaggio al volume Last Trax, presentava un'atipica mistura di stili musicali (dall'elettronica al cool-jazz, dal rifacimento di un brano dello Zecchino d'Oro a una melodia vocale a cappella, dalla funk-dance al rumorismo), il tutto saldato da una buona dose di humour. In concerto, i Nipoti si avvalevano con discrezione di trovate mimiche, coreografiche e visuali narrative.

da Marginali: iconografie delle culture alternative di Carlo Barzaglia

I Nipoti Del Faraone - Things of paradise 


Tracklist:

a1. I nipoti del faraone
a2. Eskimono
a3. Things of paradise
a4. Honey pot

b1. Prendi l'osso e corri
b2. Beautiful dreamer
b3. Il lungo, il corto, il pacioccone
b4. Creepy

Trax
-----------------------------------------
Download here

*****

20 luglio 2011

The Stupid Set - Don't be cold (in the summer of love) (12") #1983

It was 1980, Stupid Set - from Bologna - exorded with a 7", 4 pieces of pure electronic experimentation, including a cover of Hello I love you of THE DOORS. It started the journey between avant-garde and electronic minimalist for the band formed by Giampiero Huber (GAZNEVADA), with the complicity of Paolo Bazzani (RUSK UND BRUSK), Giorgio Lavagna (GAZNEVADA) and Fabio Sabbioni. After this 7" inch they recorded a pair of 12 inches for Mmmh records, while a year later, the prevailing dark electronica wave noise, saw the band protagonist of Hear the rumble in the company of Henry Serotti (CONFUSIONAL QUARTET). "Soul Trade" however was the title of a very ambitious project, which put into practice the cut-up memory of Burroughs. The album was never published and the group saw the departure of Fabio, who lately formed the HI-FI BROS. So they started the project "Psycho Disco", which was represented live in the summer of 1982. It was a multimedia show, in the early 80's these forms of entertainment were quite unusual and "bizarre". It came shortly after the end of the group, which carved a dance version of a piece of "Psycho Disc", which for the occasion took the title Don't be cold (in the summer of love).

via Discogs


The Stupid Set - Don't be cold (in the summer of love)


Tracklist:

a1. Don't be cold (in the summer of love)

b1. Don't be cold (in the summer of love) (instrumental)

Italian records
-------------------------------------
Download here

*****

Evolution So Far - Dylar #2008

È possibile stabilire un punto di incontro tra i BLACK FLAG e il proto-punk di Detroit, il noise newyorkese e la rocciosa pasta dell’hard-rock settantiano di Danzig, il rock’n’roll dei bassifondi e il post-core made in DC?
Verrebbe da rispondere affermativamente, almeno a giudicare da questo Dylar degli Evolution So Far, un album capace di miscelare con noncuranza gli ingredienti più disparati e di risputarli sull’ascoltatore con una personalità tale da colpire anche l’individuo più smaliziato. Dylar è un lavoro duro come pietra grezza e, al contempo, capace di emozionare come l’impietosa immagine in bianco e nero di un volto segnato dal tempo e dal dolore, è diretto e complesso senza che i due termini vengano in contrasto tra loro, senza che la moltitudine di particolari ne limiti la natura di opera istintiva e passionale. Gli Evolution So Far non tralasciano nulla, non si pongono limiti nel processo creativo e sanno come far convivere fianco a fianco elementi apparentemente distanti, grazie alla pregevole capacità di ridurre tutto all’osso, di estrapolare la nuda essenza dagli eccessi della forma, così da evitare ogni sovrastruttura e ogni appesantimento fine a sé stesso. Un attimo ci si sente al cospetto di un monumento al suono SST, l’attimo successivo ci si ritrova in sella ad una harley mentre si percorre una statale polverosa, la gola arsa dalla sete, il tutto giusto un secondo prima di finire aggrediti nel buio di un vicolo lungo la Bowery. Raro trovarsi di fronte a tanta frenesia creativa, quasi impossibile oggi meravigliarsi di fronte ad un lavoro come accade con questo Dylar. Magari dovremmo precisare che sono italiani, ma simili dettagli ormai fanno davvero poca differenza.

da [audio]drome

Evolution So Far - Backdoor to reality


Tracklist:

01. Go Mad Blues
02. Arbeit Macht Frei
03. Special Pain
04. Never See You Again
05. Backdoor To Reality
06. I’m The Enemy
07. The Unconditional Surrender
08. Rockfartz
09. Migs Over The Vatican
10. Lost And Found And Lost Again
11. Dylar
12. Dylar Dose II

Coproduzione
-----------------------------------------
Myspace
Download here

*****

19 luglio 2011

Chromagain - Any colour we liked #2011

Any colour we liked is the highly anticipated and Anna’s first release in co-operation with the Mannequin label from Rome, Italy. Chromagain were Luca Pastore (bass, guitar, synthesiser, lyrics, backing vocals), Silvio Ferrero (synthesisers) and Davide Bassino (vocals, lyrics) from Torino, Italy, and was formed in 1982. Chromagain had two other singers (at first Riccardo Acuto, then Danilo ‘Dana’ Barbero) before Davide Bassino joined as the main vocalist and core member. They started as a post-punk outfit in 1982, then evolving to one of the top-notch italian electronic dark wave bands. The influence of JOY DIVISION/NEW ORDER is inevitable, the playful and melodic bass and lots of synthesisers form the backbone to their songs. In 1985 they released their only vinyl mini-lp Any colour you like (Supporti Fonografici, SF 004; this label was also home of the similar sounding WEIMAR GESANG) which was recorded at TKS studio together Mauro Tavella and Andrea Costa of MONUMENTS fame, so no wonder you may recognize some similarity (the Simmons drum machine on those recording sessions, DX-7 synthesiser, etc.). The mini-lp had five tracks ranging from the rather most italian dark wave sounding Satisfied to the up-beat track Spot, from the dark wave killer Killing Dome (oh that bass...this is for the goth clubs) to the hauntingly beautiful ballad After the clouds and finally to their most New Order-ish track Season of steel. Any colour you like has been a highly sought-after and expensive rarity ever since and a re-issue was more than overdue, so here is Any colour we liked, a retrospective compilation of Chromagain’s works: the digipak-cd version comes with a different artwork (by Steve Lippert) and an additional six bonus tracks covering all their recordings back to 1982 including a demo version of Killing Dome, an alternative early ‘whistle’ version of Spot and the tracks featuring the other two singers, Riccardo and Dana. All those additional tracks are nothing but amazing, too, with a more raw edge and wonderful Roland TR-808 drum machine action all through. Dana’s voics is very reminiscent to the one of Belgian singer Geert Coppens, so Sometimes and Killing Dome (demo) will more than just appeal to those into TWILIGHT RITUAL/AUTUMN, while the very earliest tracks Hertzdance and I cut my nerves with Riccardo on vocals are more showing their (post-)electro-punk roots. Surely a true classic and not be missed!

via Anna Logue records

Chromagain - Spot


Tracklist:

01. Satisfied
02. Spot
03. Killing dome
04. After the clouds
05. Season of steel
06. Wake up
07. Ethnicbox
08. Season of steel (dub instrumental)
09. Spot (whistle)
10. Sometimes (demo)
11. Killing Dome (demo)
12. I walk in the city
13. Hertzdance ... I cut my nerves

Anna Logue records/Mannequin mailorder
-------------------------------------------------------
Download here

*****

18 luglio 2011

The Kodiaks - The Kodiaks (7") #2004

Three super trash garage punk tracks à la REATARDS, MOTARDS, FATALS... Those who like it raw and dirty will completely dig this one!

via Frantic City

The Kodiaks - Nothing blues


Tracklist:

a1. Watch my soul

b1. Nothing blues
b2. Revolution of art & sex

Yakisakana records
------------------------------------------
Download here

*****

17 luglio 2011

Lush Rimbaud - Action from the basement #2007

Una ventata di aria fresca sotto forma di vibrante energia punk moderna, ed un titolo che è quasi una didascalia: Action from the basement, primo album di marchigiani Lush Rimbaud, dà esattamente quello che promette. Non si fa fatica infatti ad immaginarsi il quartetto mentre mette a ferro e fuoco uno scantinato zeppo di gente, assaltandolo con bordate di chitarra e sintetizzatore che sposano la ripetitività ossessiva degli ONEIDA (esemplari in questo senso Brain fitness e la frenesia dell'ottima Action/basement, che apre il disco) all'impatto rock'n'roll adrenalinico e deragliante di tante mutazioni post-hardcore, dai RAY COALITION ai PANTHERS, dai JR EWING agli ONE DIMENSIONAL MAN. Su qualcosa c'è da lavorare (la conclusiva Flashing elevator regge a fatica i sette minuti e mezzo di durata, ad esempio), ma come esordio non è davvero niente male.

da Rumore

Lush Rimbaud - Oskar (say yeah)


Tracklist:

01. Action/basement
02. Are you sure that totally insured means totally insured?
03. Brain fitness
04. Oskar (say yeah)
05. Handjob from the doorman
06. Bus stop owner
07. Dirty little faggot
08. Flashing elevator
09. Remember Sammy Jenkins [bonus track]
10. Post no bills [bonus track]
11. LR vs. cars [bonus track]

From Scratch records
-------------------------------------------
Official website
Download here


*****

15 luglio 2011

Oliver Onions - Dune buggy/Across the fields (7") #1974

Forse il summa assoluto della poetica del duo "cazzotti & fagioli" che risponde ai nomi di Bud Spencer e Terence Hill, è il monumentale Altrimenti ci arrabbiamo, il cui indimenticabile tema è stato musicato dai fratelli Guido e Maurizio De Angelis, meglio noti come Oliver Onions.
Dune buggy è ormai entrato nell’immaginario collettivo nazional-popolare tricolore, sin dal lontano 1974, anno della sua pubblicazione, grazie alla ritmica "molleggiata" (passatemi il termine) ed un piglio scanzonato, poco importa se il testo voglia dire poco o nulla quello.

da Orrore a 33 Giri


Oliver Onions - Across the fields


Tracklist:

a1. Dune buggy

b1. Across the fields

RCA
-------------------------------------
Download here

*****

14 luglio 2011

Sswiissh!! - Save planet earth...make no more children #2007

Born in the summer of 2005 from the ashes of NERVI. Truly concerned about the d.i.y. ethic, veganism/vegetarianism, old school hardcore and speedy thrash/death metal. Anarchism not as a fashion but as a statement. The band gravitates around a squat called La Villa Occupata in Milano. Melo (vox) used to play in 10000 bands during the 90's, like BY ALL MEANS, EGOTISMO, NO SOMOS NADA, SOCIETY OF JESUS and yes, he's got tattoos on his face. But no, he won't pierce you for free. Davide (bass) is a crazy dude with passion for bicycles (building and fixxing) and he loves to drink beer. Adam (guit) is the younger, the most diplomatic and the one who's shitting out those freakey heavy riffs from his ass. Pulce (drums) basically is an idiot, he's str8 edge but absolutely not connected to the world sxe scene, he also sings/plays in other bands.
We're a mix of punk/thrash metal/grindcore and power violence, and Befa from VOMIT FOR BREAKFAST said this is pretty appropriate. Trust him.

via myspace

Sswiissh!! - Sarà dura


Tracklist:

01. Sinistri
02. Svastica rossa
03. Alitalia airlager
04. Giudice tg
05. Resistenti/Bike punx
06. Fanculo il Grande Fratello
07. Cenere
08. Per un porco blu/Dio denaro
09. Stanco di te
10. Fallaci is dead...go
11. Come tanti John Wayne
12. Sarà dura
13. Vampiri in Vaticano

Autoproduzione
---------------------------------------------
Myspace
Download here


*****

13 luglio 2011

Gli Incesti - Punk rock (7") #1977

Per rimanere in tema dopo Gli Uomini Del Porno vi beccate pure il primo 7" degli Incesti.

E' abbastanza difficoltoso reperire notizie riguardanti un gruppo storico dello spaghetti punk come Gli Incesti, che è assurto a culto del primo pseudo-underground italiano. Testi, musica e iconografia dei loro dischi, stampati per la CLS, ci fanno sospettare che gli Incesti non abbiano neanche mai visto un disco dei SEX PISTOLS o dei DAMNED! La grafica del primo disco, Punk rock, riprende quella di un qualsiasi quotidiano che dà notizia dell'importazione nella nostra penisola del "movimento" punk, mentre Ecco, potrebbe ricordare più un prodotto dei NEW TROLLS di Quella carezza della sera che di una brutta, sporca e cattiva band punk! Sorvolando sul loro abbigliamento, che farebbe sorridere anche il più malconcio punkabbestia, passiamo decisamente alla musica. Come si è già detto, non ha nulla a che fare con il punk-rock, ricordando molto di più un rock'n'roll duro, il cui riferimento più alternativo a cui potrebbe rimandare (ma con molto sforzo) è il glam rock. Assillati ormai dal dubbio Gli Incesti ci erano o ci facevano? Arriviamo ai testi, davvero "cattivi", e naturalmente quanto di più ridicolo e lontano dai testi anarchici e ribelli del punk d'oltremanica: ci confermano il fatto che tutto l'affair Incesti non fosse altro che o una grossa caricatura da parte di qualche spiritosone o un clamoroso fraintendimento. Punk rock, il loro masterpiece, più che un testo punk sembra infatti la cronaca di un rapporto sessuale tra due coatti improvvisatisi sadomasochisti! Il retro contiene il brano intitolato Sabato midnight, dove almeno ci avviciniamo già di più al punk-rock vero e proprio, per quanto riguarda la melodia, ma certamente non per il testo, che tutt'al più può ricordare vagamente certi lavori successivi di gruppi come GLI ETIOPI: "Appendi un prete all'albero! Dio lo salverà! ...E se si dimentica? Una ragione ce l'avrà!".

via Estatica

Gli Incesti - Sabato midnight

Tracklist:

a1. Punk rock

b1. Sabato midnight

CLS
--------------------------------------
Myspace
Download here

*****

12 luglio 2011

Porn (The Men Of) - Experiments in feedback #2001

This excellent experiment in guitar-based rock opens with a patient, exploratory, 12-minute take on PINK FLOYD's One of these days. After surviving the death of Man's Ruin, where the band's debut, Porn American style, was born, Men of Porn conjure black light moods and hard psychedelic experience. One member of the group, Joe Goldring (SWANS, OUT IN WORSHIP), is given over entirely to tape loops and effects, unusual for a rock combo but perfectly suitable for these weird and wonderful sonic journeys. Experiments in feedback can take stoner rock fans to the next level and make fans of vintage acid rock and psychedelia flash back to where it all began.

via AllMusic

Porn - Outta site


Tracklist:

01. One of these days (PINK FLOYD cover)
02. Capp street
03. Feedback II
04. Sister (Valium mix) (MOTÖRHEAD cover)
05. Feedback IV
06. Outta site
07. Sister
08. Feedback VII
09. Sister (Nod mix)
10. Loop

Small Stone recordings
--------------------------------------
Download here

*****

11 luglio 2011

AA.VV. - Torinoise (tape) #1981

Piccolo/grande cimelio del punk torinese nonché classico esempio di autoproduzione. La tape usciva nel 1981 in allegato alla fanzine Ansia realizzata da Vittorio Castellani (Nasty), del quale riporto un commento incrociato su faccialibro:

Non mi ricordo come e quando ho conosciuto Luca, detto Abort, cantante e mente artistico-criminale dei Blue Vomit, né Simone (Fast), la sua infallibile spalla, all'epoca bevevo ancora troppa Guinness. Mi perdoneranno gli altri componenti del gruppo, ma è fuori ombra di dubbio che la line-up della band ruoterà intorno alla geniale follia e creatività distorta di questi due personaggi. I Blue Vomit per me rappresentavano l'essenza del punk rock torinese: erano giovanissimi come me, grezzi e trasgressivi, il loro suono era distorto, sporco e ruvido, i testi rozzi e dissacranti, tutti requisiti indispensabili per una punk band di culto. Oltre ad essere il leader carismatico della band Abort scriveva i testi, si cuciva gli abiti, elaborava i loghi, le immagini grafiche e fotografiche, credo che fu proprio per la sua predisposizione a queste forme di espressione artistica che cominciai ad interessarmi a loro, inserendo alcuni dei loro brani nella prima compilation di punk bands torinesi (Torinoise).


Tracklist:

a01. IVAN SIBERIA - Corps
a02. IVAN SIBERIA - Days of romance
a03. IVAN SIBERIA - Like a sweet lullabye
a04. IVAN SIBERIA - Mudcities
a05. FIORI DEL MALE - Peste urbana
a06. FIORI DEL MALE - Ospedale
a07. FIORI DEL MALE - Chaos
a08. NO-STRANI - Troppa cultura
a09. ROUGH - Abuse of power
a10. ROUGH - Riot in the street

b01. BLUE VOMIT - Animal
b02. BLUE VOMIT - Il maniaco
b03. BLUE VOMIT - Non mi alzo in pulman
b04. BLUE VOMIT - La sfiga della suora
b05. ROUGH - Riot in the street
b06. NEGATIVE VIBRATIONS - Automazione
b07. NEGATIVE VIBRATIONS - Rebel deck
b08. NEGATIVE VIBRATIONS - Città spettrale
b09. CHAIN KIDS - Ogino Knaus
b10. CHAIN KIDS - Merry Christmas song
b11. NUCLEAR CODE - I don't like
b12. NUCLEAR CODE - Nothing ness

Play At Your Home records
---------------------------------------------------
Download here

*****

10 luglio 2011

AA.VV. - Luna Nera (7'') #1994

Questo 7" è una iniziativa benefit... perché Lame di Luna possa continuare ad uscire e cosa per noi fondamentale che si possa continuare a distribuirlo gratuitamente.

Luna Nera, fogli volanti come Lame di Luna taglienti, oltre la logica del branco, fuori dai margini dell'ideologia, lontano da mode e feticci. Rasoi colorati per rompere la morale corrente, obbedire ai flussi delle passioni, alle anomalie dei sogni, alle irriverenze dei desideri. Lavorare nei sentieri clandestini della resistenza in permanena, essere un detonatore di un'esplosione allargata dove i nostri sogni prendono il posto della realtà...
Scivolare dentro e fuori, semplicemente, muovendosi sempre in uno spazio dove le regole, i limiti, e le identità non servono a nulla. Lasciandosi andare al movimento, al colore vitale che nasce al di là di tutte le regole, dei limiti e delle identità. L'infinito nell'aria e l'infinito sulla pelle, negli occhi, nel cuore.

dalle note di copertina

Tracklist:

a1. FATMA - Attraversare il mare
a2. TEATRO QUOTIDIANO - Hey

b1. DETRITI - Possessione
b2. D.N.E. - La fabbrica

Autoproduzione
-------------------------------------
Download here

*****

9 luglio 2011

Infarto - Sul fondo insieme a tutti gli altri sassi #2011

Come recitano le note di copertina, Sul fondo insieme a tutti gli altri sassi è un disco che sta per terra, fatto di terra grezza da cui crescerà tutto il resto. Terra bruciata ed arsa dall’hardcore violento e massacrante del quartetto bresciano, che asciutto il proprio nome dal suffisso “Scheisse”, ha corroso il caos post-core degli esordi in una rabbia hardcore deflagrante e dalle spigolosità martellanti. Sul fondo... è un disco di cuore, stomaco e nervi tesi fino allo spasmo, in cui le chitarre si affannano in scale al cardiopalma e galoppate ritmiche vertiginose, disseminate in sette tracce nervose, tese da una passione incontenibile e pulsanti di un cuore in fibrillazione post-core, che stilla sangue nella lunga cavalcata Trentacinque decibel per poi immergersi nei meandri oscuri e le ritmiche spaccaossa di Kichtung Kreuzberg e precipitare dalle pareti scoscese di Il mio piano di riserva. Voci tirate allo spasmo, ritmiche serrate e brutalità noise-core sono l’iniezione letale che gli Infarto hanno messo assieme in un disco fatto in casa come la buona tradizione diy vuole e che, prima di essere un manifesto di totale indipendenza artistica e musicale, è una dichiarazione d’indipendenza attitudinale ed emotiva prepotente e sfrontata. Un disco di persone, luoghi, fatti ed esperienze, canalizzate in un flusso post-core assolutamente trascinante, liberatorio e grondante di vita.

da ilmucchio.it

Infarto - Kichtung Kreuzberg


*tracks 06-08 from 10" split with LADY TORNADO #2007
*track 09 previously unreleased

Tracklist:

01. Kichtung Kreuzberg
02. Il mio piano di riserva
03. Del Brembo, dei nostri respiri e di altre facezie
04. Nessun nome numero due
05. Trentacinque decibel aka La tredici
06. Il letargo delle mosche
07. Space parts
08. Protezione termica
09. Amorphous

Coproduzione
---------------------------------------
Myspace
Download here


*****

7 luglio 2011

M.B. - Regel (reissue) #2007

Regel (1982) esce all’apice dell’espressione artistica di Maurizio Bianchi, che nel giro di soli quattro anni (fino al 1984) scrive alcune fra le pagine più importanti della propria storia artistica. Da allora il suo nome è entrato nel sentire popolare, e le uscite, le riedizioni, i bootleg e le raccolte si sono moltiplicati, creando un’aura di leggenda attorno al personaggio, che è tornato alla ribalta solo nel 1998. Tornando al presente, Regel esce ora riedito da Final Muzik ed arricchito di una terza traccia (1982) per quasi un’ora di sonorità complesse e subliminali, un viaggio in mondi allora quasi inesplorati e che oggi si potrebbero avvicinare a certe cose di MERZBOW o dei THROBBING GRISTLE, con echi evidenti delle sonorità sperimentali anni ’70 ma mantenendo la specificità che solo un precursore può possedere. L’opera viene recuperata con l’aggiunta di una bonus, un brano di poco posteriore e più acido dei precedenti che, se vale come valida testimonianza del Maurizio Bianchi più oscuro e vicino a sonorità drone, d’altro canto spezza in un certo senso il magico equilibrio che l’edizione originaria riusciva a trasmettere. Forse i puristi preferiranno quindi fermarsi nell’ascolto del cd alla fine della seconda traccia, e riprendere in un momento successivo con la terza, per ricreare il senso filologico di un percorso artistico fortemente caratterizzato e molto ben strutturato. Per tutti gli altri, rimane il grande valore di una riedizione colta che riesce a cogliere l’essenza di un vero artista e manipolatore di suoni ed a consegnare anche alle generazioni presenti un lavoro, originariamente uscito come autoproduzione, che contiene in sé molti dei germi che negli anni sono andati a caratterizzare certe sonorità per come oggi comunemente le intendiamo.

da Silent Scream Webzine

Tracklist:

01. [untitled]
02. [untitled]
03. Acido prussico [bonus track]

Final Muzik
----------------------------------------
Download here

*****

CP/01 - Cyborg 100% #1994

Contropotere's final beautiful swan song. Otherwise known as "the shitty techno album". I've listened to this album somewhere around 10 times since I first heard it a few years ago, most of them have been in the last couple of months. This record has a bad reputation with the punks...at least in America. I'm still only getting to know it, but by my rating you can tell I consider it a 'masterpiece'. A few songs here are classic Contropotere and would have fit in fine on their other records, the rest are heavily built around electronics. This is as experimental and tribal as they've ever been, but they're using new instruments. Using them very well as far as I can hear. Why that's such a failure for punks is one of many questions I ask myself and find I've walked another few miles away from punkland. It's not a big deal until the music that's important to you - the meaning it's connected to in your head - can't be shared with anybody you know. To be fair that's no unique characteristic of punk. But for some reason, even though you've moved away from every single other thing you were a part of, that's a sad one. Not sure who this should be recommended to, it's taken me a little while to believe in it myself. Those who appreciate heavy music and electronic music might be a good start, or those that already like this band and are willing to give the album a chance. I've listened to a lot of music and don't have anything else that sounds like this...some early dancey industrial maybe or other sample/beat-heavy hardcore bands (CHRISTDRIVER, SWEAT ENGINE, BEAT TO DEATH? - I haven't heard these bands in a few years, I may be way off) could be a point of reference. Although really this album goes beyond that genre. The band mentions CP/01 on their website but it's hard to make out everything from the translation other than that Andrea De Marco (played on Il seme della devianza) brought the 'linea tekno-logica' and, "after a troubled two years of transformations, inside and external, in the '94 go out CP/01 Cyborg 100%". There's also the phrase 'cyber d'azione'. Cyber of action? This was self-released so it may be difficult to find but it's already on soulseek and will be on the internet very soon. Hopefully some new people will hear it.

via Rate Your Music


CP/01 - Bollettino n° 22


Tracklist:

01. Diritto all'inferno
02. Embryo
03. Rovine
04. Sarajevo
05. Agente provocatore
06. Moto perpetuo
07. 4° Sakti
08. Attacco al visus
09. Fuga
10. Succube
11. Bollettino n° 22
12. Tempesta magnetica
13. Oltresuoni

Autoproduzione
-----------------------------------------
Download here

*****