Mediafire & ADrive accounts have been locked

08/04/2012: mediafire account has been closed
16/11/2015: adrive account has been closed
11/07/2016: new mega account

30 giugno 2011

Indigesti - Sguardo realtà 82/83 #1994

Un classico dell'hardcore italiano!!! Uno stage diving nel passato.... Questo è il primo album e contiene tutte le registrazioni del primissimo periodo Indigesti (1982/1983)! La risposta italiana ai BAD BRAINS, MINOR THREAT, 7 SECONDS, GBH & DISCHARGE di quell'indimenticato e fondamentale tempo che ha aperto la strada a tonnellate di bands.

via Vacation House records

Indigesti - No al sistema


Tracklist:

01. Intro vocale
02. Astratto concepimento
03. Sguardo realtà
04. No al sistema
05. Nessuna ragione
06. Sentimento altruista
07. Mai
08. Intro II
09. Detesta!
10. Crea veleno
11. Mass media
12. Polvere fastidiosa
13. Intro III
14. Silenzio statico
15. No al sistema
16. Crea veleno
17. Mai
18. Polvere fastidiosa
19. Mass media
20. Detesta!
21. Nessuna ragione
22. Sogni a doppie vie
23. Sentimento altruista
24. Astratto concepimento
25. Sguardo realtà
26. Silenzio statico II
27. Live Virus Milano (20-11-82)

Vacation House records
------------------------------------------------
Download here

*****

Mary Crashed The Party - Tossicità legale (7") #1996

La SIAE è un'istituzione parassita istituita dallo stato italiano nel ventennio fascista e si basa sul presupposto che la libera espressione si debba mercificare. La SIAE è un'istituzione dedita all'estorsione ed al controllo di ogni forma di creatività e di espressione.

AUTOPRODUZIONE DELLA RABBIA HARDCORE COME COMUNICAZIONE ALTERNATIVA


dal booklet

Mary Crashed The Party - Gerusalemme


Tracklist:

a1. Non abbiamo chiesto
a2. Gerusalemme
a3. Niente

b1. Bang
b2. Bambino

Autoproduzione
-----------------------------------------
Download here

*****

29 giugno 2011

Intervenzione - Walls of shame #1999

...il testimone viene immediatamente raccolto dagli Intervenzione che ereditano 3/5 degli INKISIÇÃO (le due voci e la batteria) mantenendone lo spirito e, grosso modo, le stesse sonorità, aggiungendovi forse un pizzico di melodia in più (anche se nemmeno qui mancano momenti più tirati e hardcore - Palavras ou duros sentimentos, Empty society). Il disco, a loro dedicato, raccoglie tutta la discografia dell'ormai defunta band di Aveiro, esclusa la recente compilation Last screams (2009).
Portu-punk!

Intervenzione - Palavras ou duros sentimentos


Tracklist:

01. Nós União
02. Acid Rain...Dark Sky
03. Fábulas de Encantar de João-Sem-Nome
04. Political Child
05. Walls of Shame
06. Homeless...We`ll Take A Stand!
07. La Puta Heroína
08. Palavras Ou Duros Sentimentos
09. Empty Society
10. Run You Fool Run
11. Porcos Fascistas (Continuação)
12. At My Job

Rastilho records
---------------------------------------
Myspace
Download here

*****

Inkisição - 1988*1995 #2006

Torno brevemente ai tasti solo per scrivere due righe sull'ennesimo upload di Raffaele che stavolta ci fa scoprire due glorie del punk/hardcore portoghese. La storia ha inizio nel 1988, anno di formazione degli Inkisição che raccolgono (e rimasterizzano) qui buona parte della loro discografia ufficiale, aggiungendovi alcune tracce inedite, altre dal vivo e alcuni brani registrati da progetti paralleli (i MENTES PODRES - 1988/1993 - e gli ARRGHH! - 1991/1994). 
Punk/hardcore non particolarmente originale che spazia però dal grezzo e anti-melodico a pezzi quasi thrash-core (la doppietta Que direito tens tu? e Ataque pirata) e si fa apprezzare per il suo gusto "latino" e per la bella alternanza di voci tra Lena e Miguel nella prima parte del disco. A ciò si aggiungono le classiche tematiche antifasciste e antisistema, e una predisposizione naturale per il diy e l'autoproduzione. Come detto il percorso degli Inkisição si interrompe nel 1995 ma...
Inkisição - Que direito tens tu?


Tracklist:

01. Até Que Alguém Se Foda
02. Aseptal
03. Ordem Racionalidade-Não
04. Chagas
05. Morto-Vivo
06 .The Fascist Inside Me
07. Vizinhos...
08. A Pirâmide
09. Burocracia
10. Inkisição
11. Jovens
12. H.M.O.R.
13. Que Direito Tens Tu?
14. Ataque Pirata (instrumental)
15. Marginais
16. Foge Que Te Fôdo (instrumental)
17. Let's Lynch The Landlord
18. Guerra, Não Obrigado
19. Burocracia (live)
20. Disposição Prá Humanidade (live)
21. Decisões Astro-Comandadas (live)
22. A Pirâmide (live)
23. Chagas (live)
24. Vizinhos... (live)
25. Porcos Fascistas (live)
26. ARRGHH! – The Bulldozer Song
27. ARRGHH! – Propaganda
28. MENTES PODRES – Humano
29. M.P. – Democracia
30. MENTES PODRES – Cão Dom Pantaleão

Rastilho records
----------------------------------------------
Myspace
Download here

*****

28 giugno 2011

The Mojomatics - Down my spine (7") #2007

When this italian duo first started making the rounds a few back they were lumped into the two piece BLOOZEPUNK thing but you could tell by listening to their songs that they definitely had an ear cocked to something a little more "pop" in mind. Here they sound like some damn catchy early 70's regional hit AM radio classic with all the frills and sweetening. Both songs bring a swing and a hook like if Brian Wilson only lost half his mind and kicked Mike Love out 20 years before the regular world found out he was a total dick and decided all that time spent in the studio was time wasted so he stripped down the band to some bare essentials and went on tour with the TROGGS as the opening act.

via Smashin' Transistors

The Mojomatics - Down my spine


Tracklist:

a1. Down my spine

b1. The Diamond Jack

Wild Honey
------------------------------------
Myspace
Download here


*****

26 giugno 2011

ReaniManiacs - Fistful of thrash! (ep) #2009

Reanimaniacs are a rotten trio formed on the roads of Bologna in 2009 from an idea of the two 'friends from a life' Andrea Cattani (bass) and Tommaso ciccoti (drums), former members in groups like LOCKDOWN and X-BEEN RIDE (Ciccotti still plays in this last one).
The duo, grew up from pizza and hardcore (from the most melodic to the most despicable) and they passed all the 2009 with the goal to create an hardcore band 'ignorant and squared', but the research of a valid guitarist was far to be accomplished. Some call this 'luck', other 'alcohol abuse', but the duo were found in extreme condition by Danny Brunelli (militant in the declared thrash metal band, NUCLEAR HECATOMB from Bologna)...and than there was ignorance.
Sharing the passion for b-movies, splatters with dubious taste, old school italian horror movies, mixing the musical background of each component, punk, hardcore, thrash, metal, and sharing music each other, in the spring of 2009, the world turn upside down, then inside out, and the heart of the newly reanimated creature, began to beat. From a horror cult movie, based on a novel of H.P. Lovecraft and from one of the most famous old school thrash chorus Reanimaniacs (reanimated maniacs) see the light, ready to infest your cities with obscenities and obesity...and eat your pizza of course.

via ReverbNation

ReaniManiacs - Heeding the call of thrash


Tracklist:

01. Headbanger zombie attack!
02. Heeding the call of thrash
03. Posers...? Not in my house!
04. Modern horror movies suck
05. The sad story of Lonely Bum

[bonus track] Beer, boards and bandanas (just a thrashcore anthem)

Autoproduzione
-------------------------------------------
Myspace
Download here

*****

Three Second Kiss - For pain relief #1996

The italian band Three Second Kiss (Sergio Carlini on guitar, Massimo Mosca on bass and vocals, Lorenzo Fortini on drums) devoted For pain relief (Lollypop, 1996) to free-form noise-rock, somewhere between SLINT, FUGAZI and OLD TIME RELIJUN.


Three Second Kiss - Lou Priest


Tracklist:

01. Laundromat modern service
02. Don't...
03. I confess
04. Henry (sporting life)
05. I'm, probably, stuck
06. Lou Priest
07. You make me feel (mighty real)

Lollypop rec
---------------------------------------
Myspace
Download here

*****

24 giugno 2011

Vonneumann - Switch Parmenide #2006

Switch Parmenide establishes Vonneumann's return to recordings after a four year period, and with its shining style marks positively the debut of the series "the hare recordings"; the hare being a long-eared, running, hopping, zig-zaging animal, destined as game flavouring for "pappardella" pasta.
So, already here you have a blob of accidents – such as 'audition', 'movement', 'disorder', and 'fulfillment' – all being referred to in this record in a chance game.
But if the role of the hare is to flee, that of the dog is to chase, that of the hunter to shoot, Vonneumann is the one run after, the one who chases and the killer alltogether. It's the clotting of opposites which joins unicity and multipicity, melody and dissonance, analog and digital techniques, stillness and motion, rhythm that fades into melody and melody that crumbles in rhythm... imp-rock... free-rock... art-rock... these seem the key words that are the foundation of a sound that is embedded of a half a century memory: going from the VELVET UNDERGROUND to RADIAN, passing through HENRY COW, MINUTEMEN and STARFUCKERS.
But it's an improrock done with such nonchalance, with such an ability to smoothen and polish all the edges, that it might bring together the black angel of Velvet Underground in a sexual embrace
with the graceful sultan from the DIRE STRAITS, and this is absolutely not a negative comment.
Since the four members of Vonneumann are a single entity but not univocal, it is correct to refer to some of those that have been mentioned as true passions: the winding grace of Paulo Roberto Falcão, Don Barthelme's astonishing fiction, the tenacious attitude from CARCASS, Rodney Mullen's freestyle, Marcel Duchamp's bewildering art and, being faithful to the absurd picture that Vonneumann wants to portray, linking Zeno's four paradoxes to the darting skateboards, also to the inebriated tinkling of empty glasses at the end of a bacchanal with friends.
I see myself re-reading these notes, after having listened to the record, holding it in my hands, and I ask myself whether it might have been better not to have written anything, leaving this space blank and the duty of presenting this music, to the beauty of the music itself.
300 copies worldwide

via I Dischi Della Lepre/Homemade Avantgarde

Vonneumann - Half cab segmento


Tracklist:

01. Half cab segmento
02. Late Achille wheelie, tartaruga out
03. One foot freccia big spin
04. No comply varial revert (le file mobil)
05. Il quinto paradosso (normal stance)

Homemade Avantgarde/I Dischi Della Lepre
------------------------------------------------------
Myspace/Official website
Download here

*****

23 giugno 2011

Hiroshima Mon Amour - Dedicata #2000

Quanto gli Hiroshima Mon Amour di Teramo siano legati a filo doppio con il cosiddetto post-punk è dichiarato, oltre che dal nome (rubato a una straordinaria canzone degli ULTRAVOX!) e dalla grafica "anni '80" della elegante copertina, anche dalla scelta del brano di apertura di questo suo secondo cd, una cover di Siberia dei DIAFRAMMA. Proprio la band di Federico Fiumani, e precisamente le sue prime incarnazioni (quelle che ebbero come cantanti prima Nicola Vannini e poi Miro Sassolini) sembrano essere la principale ispirazione di Carlo Furii e Antonio Campanella, che seppure con minore enfasi drammatica e con un impatto meno ruvido mirano a riprodurre l'espressività cupa, malinconica e intrisa di malessere esistenziale tipica di certo rock italiano di una ventina d'anni fa; il tutto in qualche modo enfatizzato dal canto piuttosto crudo e poco incline alle melodie convenzionalmente intese, magari un po' spigoloso, ma senz'altro adatto a rimarcare la fascinosa tensione delle musiche.

da Il Mucchio Selvaggio


Hiroshima Mon Amour - Nume


Tracklist:

01. Siberia (DIAFRAMMA cover)
02. Lontani da una città di luci
03. Risveglio
04. Presenze
05. Nemesi
06. Nume
07. Dietro la porta
08. Dedicata
09. Su piano
10. Motel

Ghost rec
---------------------------------------
Myspace/Official website
Download here

*****

21 giugno 2011

Disper-Azione - Disper-azione (demotape) #1982

Questo gruppo si forma nei primi anni ottanta, con membri di Cantù e Como, Gianluca al basso, 'Attila' alla chitarra, Ambrogio alla batteria (da segnalare nella prima formazione un giovanissimo Maniglia) e Marino alla voce, ed il primo lavoro è un demo del 1982, seguito dall'incisione dell'ep 7" Sempre immutata fede, uscito per l'etichetta degli amici WRETCHED Chaos produzioni nel 1985, sette canzoni veloci e rabbiose, nel perfetto stile che ha portato l'Italia al top in quegli anni; il secondo lavoro è un lp, che arriva due anni dopo sempre per l'etichetta milanese, Soltanto la morte, contenente dieci canzoni, e che vede l'aggiunta di un altro chitarrista. Da ricordare anche la partecipazione alle compilation tape Assillo politico ed lp Sutura eterna; l'ultimo lavoro del gruppo è un altro lp II, uscito stavolta per la concittadina T.V.O.R. nel 1987, poi l'anno seguente la separazione e la fine dell'esperienza.

da www.accaci.org


Disper-Azione - Rabbia


Tracklist:

01. Rabbia
02. Sfoga la tua rabbia
03. Vita imposta
04. Perché loro voglion guerra
05. Moda merda
06. Attacco frontale
07. Avrò vendetta
08. Odio il sistema

Autoproduzione
--------------------------------------
Download here

*****

20 giugno 2011

Pankow - Pankow #1996

Alex Spalck aveva deciso di trasferirsi in Australia, abbandonando così i Pankow. Maurizio Fasolo, insieme al resto del gruppo, decise di andare avanti reclutando come nuovo cantante Gianluca Becuzzi dei LIMBO. Musicalmente Pankow è un album molto bello, oscuro e potente, con dei suoni in linea con le tendenze dell'epoca in campo industrial (es. il modo in cui sono usate le chitarre). Ma la voce spesso in "growl" del cantante, i testi che è eufemistico definire banali rovinano l'insieme. Quel che è peggio è che totalmente assente l'ironia tipica degli episodi in cui figurava Spalck, col risultato che il cd suona come una versione "superomistica" dei vecchi Pankow.

da Ver Sacrum


Pankow - Mai più idoli


Tracklist:

01. Adrenalina
02. Brucia Europa brucia
03. Fronte retro
04. E-missione
05. Nuova energia
06. In ostaggio
07. Mai più idoli
08. Dopo Heidegger
09. Grande madre H
10. Eterno presente
11. Totalità
12. Oltre

Blank Your Mind
------------------------------------
Download here

*****

16 giugno 2011

Rosemary's Babies - Blood lust #1983

Pulled from the festering womb of Lodi, New Jersey, Rosemary’s Babies came screaming into the world in 1981. The brainchild of Eerie Von and Post Mortem, Rosemary’s Babies were everything the Lodi Music Scene came to represent: loud, fast, angry and aggressive. Rosemary’s Babies were together for 3 years from the years of 1981 thru 1983.  During that time, they spent unending hours writing and recording song after song after song. Rosemary’s Babies split for good in ‘83 when Eerie got the call. Glenn from THE MISFITS needed a bass player for his new project, SAMHAIN. Eerie went on to play in Samhain and DANZIG as well as a prolific solo career.

via Ghastly records


Rosemary's Babies - Happy song


Tracklist:

a1. Blood lust
a2. I'm gonna be sick
a3. Happy song
a4. Inferior
a5. Small minds, think small

b1. Talking to the dead
b2. Sanctioned violence
b3. Let's molest 10yr. olds
b4. One dead low-life
b5. That's right, that's O.K.

Ghastly records
-----------------------------------------
Download here

*****

15 giugno 2011

Tampax - O'Dio (one sided 7") #1985

Italian prime-mover punk band formed in 1978 in Pordenone by Ado and Willy Gibson. They released the very first italian punk 7" single, a split with their fellows HITLER SS, and were also among the founders of The Great Complotto, an independent record label and countercultural organization. Both Ado and Gibson had their own electronic/experimental side-projects, CANCER and MUSIQUE MECANIQUE, and were involved in the production of many local new wave and punk bands. During the 1990s, Tampax had a fan club that requested a photo of your genitals as compulsory subscription fee.

via Discogs

500 copies pressed. Generic die cut with picture sleeve with several stamps (on front/back ps, and/or only front ps). According to Ado (band's singer) also exist eight test pressing copies with rehearsal of O'Dio recorded on side B.

via Sonic Reducer

Tampax - O'Dio


Tracklist:

a1. O'Dio

Autoproduzione
---------------------------------------
Download here

*****

14 giugno 2011

AA.VV. - Iv3scr #1983

Il rock pordenonese tira un sospiro di sollievo. Alla fine il tanto atteso ellepi numero due è uscito, dopo mille vicissitudini e "vecchio" ormai di un anno e mezzo. La presentazione ufficiale stasera al Verdi in un gran galà, inizio alle 20.30 che vedrà di scena í gruppi che hanno inciso il disco (Gigolo' Look, Sexy Angels, 001011, Mess) oltre a RENDEZ VOUS RAVAGE e DANCE DIAGRAM.
Iv3scr (questo il titolo del disco firmato Great Complotto, che nella copertina compare stampato su una sorta di credit card naoniana) presenta otto brani, due per complesso, campionario esauriente anche se non aggiornatissimo della musica naoniana contemporanea. Il disco in fase di distribuzione ne ha passate di tutti i colori, mesi e mesi di continui rinvii, uscendo  alla fine con distribuzione Italian records e produzione  dello stesso Complotto. Rock essenziali e lineari e lineari Mathematic mind e Neutronic war, i due brani proposti dai Sexy Angels. Più ricercata la melodia dei Gigolò Look con buoni passaggi alla tastiera in Elegant e il sapore dei rock californiani anni '60, che faceva tanto bravi ragazzi, in Nouveau riches, intercalato da stacchi elettronici. Atmosfera computerizzata e voce personalissima di Ado in Naonian style, degli 001011, che propongono con Wheels la struttura iterativa, ossessionante di certi esperimenti elettronici tipo LAURIE ANDERSON. Suoni freddi , squadrati e voci glaciali in  Kunst und technik dei Mess che concludono l'ellepi con Get proud, forse il pezzo più bello di tutto il disco, un riuscitissimo incontro di rhythm'n'blues ed elettronica.

da Il Gazzettino, 14 giugno 1983

Tracklist:

a1. SEXY ANGELS - Mathematic mind
a2. SEXY ANGELS - Neutronic war
a3. GIGOLO' LOOK - Elegant
a4. GIGOLO' LOOK - Nouveau riches

b1. CANCER - Naonian style
b2. CANCER - Wheels
b3. MESS - Kunst und technik
b4. MESS - Get proud

Italian records
------------------------------------------------
The Great Complotto website
Download here

*****

13 giugno 2011

Ritmo Tribale - Bocca chiusa #1988

Il gruppo nasce nel 1984 a Milano dall’unione di Fabrizio Rioda, Alessandro Zerilli e Stefano “Edda” Rampoldi, cui si aggiungono presto Andrea Scaglia e Alex Marcheschi. Del 1988 è il primo disco, Bocca chiusa, con Andrea Scaglia alla voce, mentre è Kriminale, del 1990, a far segnare il debutto come vocalist di Edda e del nuovo bassista, Andrea “Briegel” Filipazzi.
Dopo il mini ep Ritmo tribale e l’album Tutti contro tutti, il gruppo ottiene un buon riscontro con i suoi due lavori più maturi e ambiziosi, Mantra e Psycorsonica. Sono di questo periodo importanti tournée italiane ed estere, tra cui spicca la partecipazione al Festival di Dour ’95 (Belgio), in compagnia di PUBLIC ENEMY, DEUS, RAMONES, SUEDE, BIOHAZARD. Nel 1996 Edda lascia i Ritmo Tribale per dedicarsi ai suoi progetti personali e alla voce torna Andrea Scaglia. Nel 1999 esce Bahamas, il primo album del gruppo pubblicato con la Edel. All’inizio degli anni 2000 il gruppo si scioglie.

da Rockol

Ritmo Tribale - Per colpa tua


Tracklist:

a1. Bocca chiusa
a2. Strano
a3. Tribale
a4. Circondato

b1. Maldido
b2. Per colpa tua
b3. Bandiere
b4. E' giunta l'ora

Radio Base 81
--------------------------------------
Myspace
Download here

*****

11 giugno 2011

S.F.C./Hobophobic - 15 anni e 10 anni con un coltello puntato alla gola #2007

Il riassunto di 15 anni di lotta, amicizia e punkhardcore, vissuti assieme.
Gli Hobophobic suonano un mix di hardcore italiano anni '90 e la nuova scuola punk di Portland...grandi testi, grandi persone.
Gli S.F.C. dopo qualche anno di silenzio, tornano con delle nuove e potenti mazzate hardcore punk.

via accidiahc distribuzione

Tracklist:

01. S.F.C. - Resistence
02. The worm
03. Still caught
04. She looks nicer now
05. Smash it
06. Chiacchierone 
07. HOBOPHOBIC - Cadavere dei sensi
08. Terre di nessuno
09. Grandine
10. Niente da rinnegare
11. Da questa parte del muro

Coproduzione
------------------------------------------
S.F.C. myspace
Hobophobic myspace
Download here

*****

9 giugno 2011

Undertakers - Suffering within #1996

This is the first effort of this good band from Naples. Undertakers can be considered one of the first brutal death metal band in Italy together with MIND SNARE from Turin, HORRID, NATRON and few others. The scene in Italy is not bad but some promoters don’t care about those very good bands and Undertakers released this album 5 years after having founded the band, for a very small label.
Their music is a good death metal, influenced by what was happening in the United States in that period. The first song Immortal invocation is one of the fastest one, alternating up tempos in pure death metal style to blast beats not so well done...the drummer is quite good but not excellent for the brutal parts. This is the main problem...the second track Inquisition is very good and here you can hear influences from NAPALM DEATH’s Harmony Corruption and first DEICIDE, concerning also the guitar sound, very heavy and in some parts where the screams and growls are together.
Killing machine song alternates SUFFOCATION’s slowest parts, very fucking heavy mid tempos with quite technical guitar parts, to the blast beats. One of the most violent song of this album.
The rest of the songs are quite the same stuff…good death metal. Sometimes tracks are too similar and some parts are a bit boring. The last track Seed is an instrumental one, made of some strange noises and distortion.
Fortunately is not a long album and it can be listen quite easily...surely the have to improve the songwriting and make some parts less boring. The drummer must improve his blast beats because they are not done so well and seems like he doesn’t want to do it in the right way. Anyway, a quite good debut!

via Encyclopaedia Metallum

Undertakers - Immortal invocation


Tracklist:

01. Immortal invocation
02. Inquisition
03. Human decline
04. Killing machine
05. Eternal punishment
06. Pathological maniac
07. Beyond the dreams
08. Seed

Cryptic Soul productions
----------------------------------------
Official website
Download here

*****

8 giugno 2011

Disarmo Totale - Opzione zero (demotape) #1982

Il gruppo nasce nel 1981 a Stienta, nella provincia di Rovigo (anche se più vicina a Ferrara come punto di riferimento). Formato da Diego al basso e voce, Fabio alla chitarra, e Paolo alla pseudo-batteria, ovvero bidoni. I gruppi che ascoltano di più in quel periodo sono DEAD KENNEDYS, DISCHARGE, CRASS. Provano nella cantina di Fabio dove iniziano subito a comporre pezzi e registrarli con una piastra e un microfono. Da lì nasce l’ormai quasi introvabile demo-tape Opzione zero in plastica gialla imbustata in un foglio tipo fanzine. L’influenza dei Crass è molto presente sia nelle tematiche delle canzoni che nel modo di intendere il gruppo, si dedicano infatti anche a impaginare una loro fanzine decisamente anti-clericale: “Fanghiglia cristiana”. Intanto entrano in contatto con gli IMPACT, che di li a poco registreranno lo split con gli EU'S ARSE. Dopo pochi mesi Paolo lascia il gruppo ed arriva Bistek (allora bassista degli Impact) e, novità, una batteria vera. Con lui risuonano alcuni pezzi già fatti prima e ne tirano fuori altri nuovi. Le nuove influenze e Bistek alla batteria li portano a suonare più in stile hardcore rispetto alla prima formazione. Più veloci e incazzati ma meno “sperimentali” degli esordi. Fanno non più di una decina di concerti tra cui uno al Virus di Milano. Nel 1983 Diego inizia contemporaneamente il servizio di leva e a suonare il basso negli Impact (con Bistek che passa alla voce); questo coinciderà con la conclusione dell’attività dei Disarmo Totale. Dopo qualche mese di prove gli Impact (Bistek, Janz, Diego, Gigo) scendono a Bari per registrare Solo odio.

da accaci.org

Disarmo Totale - Truppe armate per la pace

Tracklist:

a1. Morte al mattino
a2. Nazi clero
a3. Siringhe sporche
a4. Più nella merda dove nascemmo
a5. Truppe armate per la pace
a6. Allarme nucleare
a7. Borghesi basta
a8. Vegetarianismo

b1. Disarmo totale
b2. Protesta e sopravvivi
b3. Uniformi
b4. Italia morta
b5. Fanfani blues
b6. Suicidio
b7. Morte alla sera
b8. Resoconto finale

Autoproduzione
----------------------------------------
Myspace
Download here

*****

AA.VV. - Skins e punks = T.N.T. (7") #1983

Released in 1983 on C.A.S. records, this was an attempt by the labels founders NABAT, to show unity in the growing unrest between punks and skins. Punks being represented on this record by ARRM and RAPPRESAGLIA and the skins by Nabat and DIOXINA. Arrm's first song is a great punk anthem, instead the second is a “neo reggae” song. The Rappresaglia songs destroy (from their 8 song, 1982 demo) and is also their strongest material, if you like blazing, pissed off hardcore. The Nabat songs burn with anger and frustration and are probably the fastest songs they ever released. The Dioxina songs are powerful and wild Oi! punk anthems.

via Area Pirata

Tracklist:

a1. DIOXINA - Siamo n'OI
a2. DIOXINA - A Franz
a3. ARRM - Tu

b1. ARRM - Combatti per la tua pace
b2. NABAT - Skin e punk
b3. NABAT - Generazione '82
b4. RAPPRESAGLIA - Attack!!
b5. RAPPRESAGLIA - Disperazione

C.A.S. records
----------------------------------------
Download here

*****

7 giugno 2011

Detonazione - Detonazione (7") #1984

I Detonazione si raggruppano in quel di Udine al sole dell'estate 1983: si tratta inizialmente di un sestetto, nel quale gli unici due componenti muniti di 'precedenti' musicali sono Massimo (vero factotum: suona indifferentemente percussioni e tastiere, è batterista di professione e può esibire un diploma di Conservatorio in violoncello!) e per l'appunto Bruno, cantante e sassofonista, reduce dai tortuosi itinerari del jazz più arcano. Gli altri quattro - Anna (tastiere), Gianni (bassista), Fabio (batteria, faceva il d.j. prima d'avventurarsi sui palchi del rock nostrano) e Giorgio (tastierista rumorista, sarà con loro per il primo periodo, quello più punk) - non patiscono la sindrome dell'esordiente, cosicché il gruppo inizia subito a macinar musica. Li adocchia Marco Pandin, nostro stimato collaboratore e soprattutto forza-motrice di Rockgarage, di gran lunga la migliore 'fanzine' nostrana, che ha la buona abitudine di portar con sé saltuariamente 'doni' sonori di curioso interesse. Fu la volta d'un singolo dei Detonazione verso la fine dell'83; s'intitolava - da Foucault - Sorvegliare e punire e conteneva suoni angolosi, ritmi torbidi, genialità imbizzarrite. Vendette, con e senza il giornale, circa 2.000 copie: un record per le produzioni indipendenti dell'epoca. Colpivano i testi: esercizi poetici introversi, divisi tra esistenzialismi intricati ed esortazioni libertarie. Dopo alcune tappe italiane e un 'mini-tour' olandese 'pescati' proprio in quell'ambito, misero in cantiere un secondo singolo - L'arido utile, musica splendida e duttilissima - che poi uscirà all'inizio dell'84 per la neonata Tunnel Records, la medesima etichetta che un anno più tardi pubblicherà il mini-album Riflessi conseguenti, scorribanda psico-drammatica introversa e ambiziosa con dentro una grande (e dimenticata, persino da loro stessi!) canzone: assenza di ideali (da Rockerilla 1985)

via myspace


Detonazione - L'arido utile


Tracklist:

a1. L'arido utile

b1. Lamiera

Tunnel records
---------------------------------------
Myspace
Download here


*****

5 giugno 2011

The Legendary Pink Dots - Apparition (tape) #1982

Formed in London in 1980, the Legendary Pink Dots moved to Amsterdam in the middle of the decade. Members throughout the band's career have been Edward Ka-Spel (vocals, keyboards) and Phil Knight (keyboards), also known as the Silver Man, with a shifting supporting cast over the years. The Dots' music is by turns melodic pop and exotic psychedelia, with classical influences, sampling, and relentlessly dark, violent, apocalyptic lyrics. After several releases for Mirrodot and Inphaze during the early '80s, the group signed to Play It Again Sam distribution for 1985's The lovers, and released much of their best material (1990's Crushed velvet apocalypse, 1991's The Maria dimension) on the label. Even as the Legendary Pink Dots neared their two-decade anniversary, the group continued to tour Europe and America quite consistently, appreciated by several generations of dark industrial/goth audiences.

via AllMusic

The Legendary Pink Dots - The plague


Tracklist:

a1. God speed
a2. Pay to be alone
a3. Spontaneous human combustion
a4. The blessing
a5. I'm in the drill

b1. Power crowd
b2. Strychnene chaser
b3. Alive!
b4. Believe!
b5. The plague
b6. Premonition 3

Ding Dong records and tapes
--------------------------------------------
Official website
Download here

*****

3 giugno 2011

Atrox - Ecco la guerra #2007

Il nuovo cd degli Atrox Ecco la guerra parla ovviamente molto di guerra; un po’ di tutte le guerre, guerriglie, stragi, genocidi. Anche di guerra per la sopravvivenza, di precarietà della vita.
E di odio, che le guerre scatena.
E di morte, che della guerra è conseguenza.
E di repressione, di controllo, di organismi modificati e di tante altre cose comuni al linguaggio e ai temi portati avanti da un gruppo che fonda la propria nascita nel 1982. Il lavoro è stato registrato e mixato da Fabio Magistrali tra l’aprile e l’agosto del 2007 e comprende 26 tracce, 9 delle quali sono state costruite su improvvisazioni di chitarra e batteria.
H.C. tirato e ficcante per un grande party old school.
Una traccia (Made in China) è il contributo del componente originario degli Atrox, Roberto Delirio, emigrato nella Silicon Valley e dedito a sonorità elettroniche. Chiude il lavoro un tributo a Joe Strummer, costruito anch’esso su un’improvvisazione.

via Atrox on line merchandise shop


Atrox - Odio tutti


Tracklist:

01. Odio tutti
02. Bravi ragazzi (Milano 11.03.06)
03. La tua illusione
04. Come il chiodo
05. Idoli
06. Privacy
07. Verme
08. Al mio funerale
09. Quando perdi una persona cara
10. Morti da sempre
11. Modello
12. Resistenza
13. Ecco la guerra
14. Terra
15. Otto nani
16. Crollera' il sistema
17. Il gioco
18. Compromessi
19. Vacca 103
20. No way out
21. Lili
22. Fiore rosso
23. Tangenziali
24. H.C.D.P.O.S.
25. Made in China (by Robert Delirio)
26. Tributo a JS

Autoproduzione
-----------------------------------------
Official website
Download here

*****